Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I traguardi raggiunti
In questi anni, grazie a un costante impegno, l'Associazione è riuscita a coinvolgere, inizialmente come gruppo di familiari e successivamente come organizzazione ufficiale e strutturata, tutte le forze politiche delle diverse aree parlamentari riguardo alle problematiche delle Vittime del Dovere, ottenendo concreti provvedimenti legislativi. Tra i più rilevanti si evidenziano:
  1. Art. 1, commi 562-565, della legge n. 266/2005 (Legge Finanziaria 2006) che sancisce la progressiva equiparazione delle Vittime del Dovere alle Vittime del terrorismo, estendendo non solo il riconoscimento formale, ma anche i relativi benefici.
  2. Il DPR 243/2006, regolamento inerente alle modalità di corresponsione dei benefici in favore delle Vittime del Dovere.
  3. L'art. 34 del decreto-legge 159 del 2007, legge 222/2007 che estende a tutte le Vittime del Dovere e alle Vittime della criminalità organizzata alcuni benefici già previsti dalla legge 206 del 2004 per le Vittime del terrorismo.
  4. L'articolo 2, comma 106, della legge 244 del 2007 (Legge Finanziaria 2008) che apporta modifiche alla citata legge 206 del 2004 prevedendo ulteriori provvidenze accordate alle Vittime del terrorismo.
  5. Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 22 dicembre 2008 che ha istituito un Tavolo Tecnico Governativo per lo studio, l'attuazione e il miglioramento della normativa in materia di Vittime del Dovere.
  6. L'art. 5, del decreto-legge 102 del 2010, legge 126/2010 che modifica l'art. 1 comma 2 della legge 407/98 sul collocamento obbligatorio, ribadendo la precedenza assoluta di assunzione delle Vittime del Dovere rispetto altre categorie protette, non limitandola ad una ristretta quota di riserva.
  7. L'art. 1 comma 255 della Legge di Stabilità 2016 che prevede l'incremento di 250.000 € annui del fondo destinato alle borse di studio per i figli delle Vittime, ridotte alla metà degli importi a seguito della spending review.
  8. L’art. 1 comma 211 della Legge 11 dicembre 2016, n. 232 che prevede l’esenzione dei trattamenti pensionistici spettanti alle vittime del dovere e ai loro familiari superstiti, di cui alla legge 13 agosto 1980, n. 466, alla legge 20 ottobre 1990, n. 302, e all’articolo 1, commi 563 e 564, della legge 23 dicembre 2005, n. 266.
  9. Direttiva n. 1/2019 emessa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ministero per la Pubblica Amministrazione in data 25 giugno 2019 e contenente "Chiarimenti e linee guida in materia di collocamento obbligatorio delle categorie protette".

Il conseguimento di importanti traguardi legislativi è stato frutto di una costante opera di sensibilizzazione delle Istituzioni e delle varie forze politiche riguardo alla tutela dei diritti dei familiari delle Vittime.
Questa attività ha condotto alla presentazione di importanti Disegni di Legge:

Proposta di Legge A.C. 4138 del 9 maggio 2011 “ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO DELLE VITTIME DI REATI, MEDIANTE DESTINAZIONE DEI PROVENTI PERCEPITI DALLE PERSONE CONDANNATE PER GRAVI REATI COME CORRISPETTIVO PER L’USO DELLA PROPRIA IMMAGINE O DI INFORMAZIONI SULLA LORO ATTIVITÀ CRIMINALE” stilata dall’ On. Davide Cavallotto su istanza dell’Associazione (Link).

Disegno di legge A.S. 3196 del 23 maggio 2012 "ISTITUZIONE GIORNATA NAZIONALE IN MEMORIA DELLE VITTIME DEL DOVERE" proposto dall'Associazione e presentato dalla Sen. Maria Alessandra Gallone unitamente ai Senatori Filippo Saltamartini, Simona Vicari, Maurizio Gasparri, Luigi Compagna, Andrea Fluttero, Gaetano Quagliariello, Cristiano De Eccher, Lorenzo Piccioni, Tomaso Zanoletti, Lucio Malan e Giulio Camber (Link).

Disegno di legge A.S. 1715 del 12 marzo 2015 “ESTENSIONE ALLE VITTIME DEL DOVERE E DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA DEI BENEFICI RICONOSCIUTI ALLE VITTIME DEL TERRORISMO” richiesto dall'Associazione Vittime del Dovere e stilato dal Senatore Aldo Di Biagio unitamente al Senatore Erika Stefani , il Senatore Giorgio Tonini, il Senatore Gianluca Susta, il Senatore Enrico Buemi, il Senatore Franco Conte, il Senatore Mario Dalla Tor, il Senatore Paola De Pin, il Senatore Rosa Maria Di Giorgi, il Senatore Roberto Formigoni, il Senatore Pietro Liuzzi, il Senatore Giuseppe Francesco Maria Marinello, il Senatore Marino Germano Mastrangeli, il Senatore Franco Panizza , il Senatore Stefania Pezzopane , il Senatore Antonio Razzi, il Senatore Lucio Romano (link).

Disegno di Legge A.S. 876 del 24 gennaio 2019 “ESTENSIONE ALLE VITTIME DEL DOVERE DEI BENEFICI RICONOSCIUTI ALLE VITTIME DEL TERRORISMO” voluto dall'Associazione Vittime del Dovere e stilato dal Senatore Gianmarco Corbetta, oltre ai cofirmatari Sen. Orietta Vanin, Sen. Iunio Valerio Romano, Sen. Fabrizio Trentacoste, Sen. Gianluigi Paragone, Sen. Elio Lannutti, Sen. Agnese Gallicchio, Sen. Mario Turco, Sen. Luisa Angrisani, Sen. Gabriele Lanzi, Sen. Laura Bottici, Sen. Rossella Accoto, Sen. Emiliano Fenu, Sen. Bianca Laura Granato, Sen. Elisa Pirro, Sen. Daniela Donno, Sen. Maria Laura Mantovani, Sen. Ugo Grassi, Sen. Gelsomina Vono, Sen. Vincenzo Garruti, Sen. Alessandra Maiorino, Sen. Giorgio Fede, Sen.Isabella Rauti, Sen. Daisy Pirovano, Sen. Gabriella Di Girolamo, Sen. Sabrina Ricciardi (Link).

L'Associazione ha raggiunto importanti obiettivi anche su fronti non strettamente legislativi:
  • Nell'agosto 2008 è stato creato un apposito servizio di call center per informazioni e assistenza ai familiari delle Vittime e agli invalidi presso il Dipartimento della Pubblica Sicurezza, oltre al potenziamento dell'Ufficio Vittime del Dovere della Polizia di Stato.
  • Nel mese di febbraio 2009 presso il Ministero della Difesa – Previmil è stato costituito l'Ufficio “Speciali Benefici Assistenziali” e un info point, dedicati alle Vittime e ai familiari degli appartenenti alle Forze Armate.
  • Nel mese di novembre 2009 presso la Guardia di Finanza è stata istituita la sezione “Vittime del dovere”.
Attraverso costanti informative, convegni ed eventi, aggiorna le famiglie delle vittime fungendo da raccordo con le pubbliche amministrazione.
È infatti indicata quale associazione di riferimento sui siti internet delle seguenti amministrazioni pubbliche che riportano il link alla home-page dell'Associazione Vittime del Dovere:
Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.