Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri comunicati in evidenza
25 NOVEMBRE 2021
San Pietro in Gu (PD), Anniversario della scomparsa del Carabiniere Michele Calandini

nato a Montefusco (AV) il 22 novembre 1945 e deceduto a San Pietro in Gu (PD) il 25 novembre 1975    

Il carabiniere Michele Calandini apparteneva al gruppo S.e.t.a.f., una forza di intervento  rapida alle dirette dipendenze del Comando delle forze dell'U.S. Army in Europa. La sera del 25 novembre 1975, alla guida della Guzzi di servizio, sta rientrando da Aviano,  dove ha scortato un convoglio militare statunitense. A bordo di un’altra Guzzi vi è un suo  commilitone, Francesco Luongo, di 34 anni. In un tratto rettilineo della statale Postumia, i due militari sorpassano un autotreno carico.  In quel momento, in direzione opposta, una Fiat 127, si sposta sulla sinistra per evitare  l’impatto con un’altra macchina, una Fiat 500, uscita da una stradina laterale. Il primo dei due carabinieri, Francesco Luongo, riesce a passare indenne tra l’autotreno e  la 127. Michele Calandini viene probabilmente colpito di striscio dalla 127, sbanda a  destra, urta contro la sponda della motrice, e finisce nello spazio tra quest’ultima ed il  rimorchio. Il corpo del carabiniere rimane schiacciato dalle ruote dell’autotreno, mentre la  moto viene trascinata per quasi duecento metri, incendiandosi. Tre giorni prima dell’incidente Michele Calandini aveva compiuto trent’anni. Era sposato e  padre di due figli gemelli di sedici mesi. La moglie, Nicolina Di Troia, era in attesa del terzo  figlio.

Menzione speciale alla memoria

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.