Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
Eventi
25 MARZO 2024
Roma, Camera dei Deputati: Cerimonia di Premiazione del Progetto di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità A.S. 2022/2023 – Concorso d’idee nazionale dal titolo "Vittime del Dovere nella Costituzione: Art. 4 - Il lavoro è diritto e dovere"

L’Associazione Vittime del Dovere è lieta di annunciare la Cerimonia di Premiazione del Progetto Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità A.S. 2022/2023 – Concorso d’idee nazionale dal titolo "Vittime del Dovere nella Costituzione: Art. 4 - Il lavoro è diritto e dovere" che avrà luogo presso l’Aula dei Gruppi Parlamentari presso la Camera dei Deputati, con accesso da Via Campo Marzio 78, in data 25 marzo 2024, dalle ore 10.30 alle ore 13.00 (accesso dalle ore 9.30). L’evento rappresenterà un'occasione significativa per dare merito al talento e all'impegno degli studenti delle Scuole Secondarie di primo e secondo grado che hanno partecipato con grande interesse da tutta Italia.

Il Concorso nazionale di idee è giunto alla sua quarta edizione, con l’obiettivo di stimolare gli studenti italiani ad una riflessione approfondita sui principi fondamentali della nostra Carta Costituzionale (www.miur.gov.it)

Nell’anno scolastico 22/23 gli studenti sono stati invitati ad esaminare il principio costituzionale sancito dall'articolo 4 della nostra Costituzione, che riconosce il lavoro come diritto e dovere di ogni cittadino.

La traccia del tema

“Vittime del Dovere nella Costituzione: Art 4 - Il Lavoro è diritto e dovere”
La nostra Costituzione definisce l’Italia come “Repubblica democratica fondata sul lavoro” (art. 1) e precisa all’art 4 “La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità̀ e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società̀ .”
I due principi affermati sono complementari.
Il lavoro, infatti, è un diritto di tutti i cittadini e la Repubblica lo deve rendere effettivo, garantendone possibilità̀ di accesso e tutele in caso di impossibilità.
Al contempo, il lavoro è un dovere che ogni cittadino è chiamato a adempiere, svolgendo un’attività̀ o una funzione che contribuisca al progresso materiale o spirituale della società, secondo le proprie possibilità̀ e inclinazioni.
Le Vittime del Dovere sono Servitori dello Stato, caduti in attività di servizio, o rimasti invalidi per ferite riportate in conseguenza di azioni criminose, di qualunque matrice, o in servizio di ordine pubblico, in operazioni di polizia preventiva o repressiva, oppure nello svolgimento di attività di soccorso; sono tutti coloro che coscienti delle responsabilità assunte e dell'importanza che il proprio lavoro riveste a tutela della sicurezza degli altri, sono giunti anche a sacrificare la vita per adempiere ai propri compiti istituzionali.
Molteplici sono le storie di donne e uomini straordinari, nobili esempi di atti di coraggio e di spirito di sacrificio dimostrati durante il proprio lavoro svolto al servizio dello Stato. Le Vittime del Dovere rappresentano la massima espressione e sublimazione del concetto di abnegazione per il lavoro.
Prendendo spunto da queste riflessioni, oppure da considerazioni di carattere personale, narra uno o più episodi di vita di una Vittima del Dovere che ti ha colpito e, contestualmente, approfondisci cosa rappresenta per te il principio costituzionale di diritto al lavoro coniugato al senso del dovere.”

Seguendo la traccia del gli studenti italiani sono stati chiamati a realizzare elaborati di tipo collettivo o di tipo individuale, di carattere letterario, grafico o multimediale, mediante la guida e l’assistenza dei loro professori. All’esito del progetto è stata convocata una Commissione di valutazione, composta da rappresentati del MIM e dell’Associazione, che ha selezionato i lavori meritevoli e attribuito ad essi delle borse di studio, donate dai familiari delle Vittime del Dovere, dal valore complessivo di € 2.500,00.

Momento conclusivo di questo percorso sarà la Cerimonia di premiazione del 25 marzo p.v., nel corso della quale i ragazzi e le scuole saranno protagonisti, vedendo così riconosciuti i propri sforzi in una cornice istituzionale di grande prestigio come la Camera dei Deputati.

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.