Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri comunicati in evidenza
22 OTTOBRE 2018
Gazzetta delle Valli - Disegno legge per l’estensione alle vittime del dovere dei benefici riconosciuti alle vittime del terrorismo

Roma – Grazie all’iniziativa parlamentare del senatore Gianmarco Corbetta, è stato presentato, presso il Senato della Repubblica, il nostro Disegno di Legge: “Estensione alle vittime del dovere dei benefici riconosciuti alle vittime del terrorismo” (Atto Senato n.876).

SenatoL’associazione Vittime del Dovere ha dichiarato: “Cogliamo occasione per ringraziare il Senatore Corbetta e il Movimento 5 Stelle per l’interesse rivolto al nostro operato e per aver compreso, come emerso dalle dichiarazioni che si riportano, che il sostegno rivolto alle nostre istanze legislative è da considerare come un atto di giustizia nei confronti dei tanti Servitori dello Stato che hanno sacrificato la propria vita per garantire l’attuazione dei valori di giustizia e legalità del nostro ordinamento”.

“Sono molto felice di collaborare con l’Associazione Vittime del Dovere per portare in Parlamento quello che considero un doveroso atto di giustizia nei vostri confronti. Mi impegno fin da ora a ricercare il consenso necessario all’interno della maggioranza parlamentare e del Governo affinché questa proposta diventi una legge dello Stato. Sono fiducioso che il lavoro impostato con la presidente Emanuela Piantadosi possa portare frutti concreti in questa legislatura. Un cordiale saluto a tutti gli iscritti”, ha commentato il Senatore Gianmarco Corbetta.

Queste le dichiarazioni del Presidente dell’Associazione Vittime del Dovere, Emanuela Piantadosi: “Una proposta di legge importante per tutte le Vittime del Dovere che eliminerebbe ingiustificate differenze di trattamento e considerazione tra quanti hanno offerto la vita per lo Stato. Ringrazio il Senatore Gianmarco Corbetta per aver dato voce alle nostre istanze. Con l’approvazione di questa proposta di legge il patrimonio etico della nostra Nazione verrebbe finalmente valorizzato agli occhi delle giovani generazioni che il 2 giugno potrebbero festeggiare la Festa della Repubblica e celebrare la memoria del sacrificio dei tanti rappresentanti delle Istituzioni che sono caduti o hanno perso la loro integrità fisica per tutelare la collettività”.

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2018
AGENDA DELLE RICORRENZE