Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Brigadiere dell'Arma dei Carabinieri GIORGIO ILLUMINOSO, MEDAGLIA D'ORO AL MERITO CIVILE

Giorgio Illuminoso, di anni 42, brigadiere dell’Arma dei Carabinieri era in forza al Nucleo Radiomobile Compagnia di Saronno (VA).
il 26 gennaio 2009, a seguito di una rapina effettuata presso una farmacia il sottufficiale, si adopera per cercare gli autori del reato. E’ presso il posto di blocco ed intima “l’alt” ad una autovettura sopraggiunta da una vicina zona boschiva. Il conducente oltre a non fermarsi non esita a investire il Brigadiere per sottrarsi ai controlli di polizia.
Ricoverato all’ospedale di Legnano, le sue condizioni appaiono subito critiche.
Dopo dieci giorni di agonia Giorgio il 5 febbraio 2009 lascia i suoi cari con un ultimo gesto di grande generosità, più volte espresso in vita, la donazione degli organi.

Il 25 febbraio 2010 con decreto del Presidente della Repubblica viene conferita alla memoria del Brigadiere Giorgio Illuminoso la Medaglia d’Oro al Valor Civile.

Il 5 giugno 2010 in occasione della festa nazionale dell’Arma dei Carabinieri, a Milano in piazza Duomo, alla presenza delle massime autorità civili e militari veniva consegnata la Medaglia d’Oro al figlio Matteo, di anni 17, allievo della Scuola Militare Teuliè.

Medaglia d'oro al merito civile

Brigadiere dei Carabinieri Giorgio Illuminoso

Data del conferimento: 25/02/2010

Alla memoria

motivazione:

Con altissimo senso del dovere e cosciente sprezzo del pericolo, avuta notizia di una rapina ai danni di un esercizio pubblico, unitamente ad altro militare non esitava ad attuare un controllo di una zona ad alto rischio per la presenza di numerosi pregiudicati. Intimato l'"alt" ad un veicolo sospetto, veniva vilmente travolto dal conducente del mezzo, riportando gravissime lesioni che ne causavano successivamente la morte. Fulgido esempio di elette virtù civiche e altissimo senso del dovere spinti fino all'estremo sacrificio. 26 gennaio 2009 Origgio (VA)

 

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.