Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri Feriti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Sost. Commissario Polizia di Stato CARMINE DE GENNARO

Carmine DE GENNARO Sostituto Commissario della Polizia di Stato

Evento del 15 giugno 1994, che ha determinato il riconoscimento di “Vittima della criminalità organizzata” In servizio presso il Centro Interprovinciale Criminalpol Campania e Molise con sede nella Questura di Napoli, in data 14 giugno 1994 con ordinanza di servizio della Direzione Centrale della Polizia Criminale, a termine di laboriose e complesse indagini, viene inviato in missione presso il Centro Interprovinciale Criminalpol Lombardia della Questura di Milano per partecipare all’esecuzione di numerose ordinanze di custodia cautelare in carcere a carico di appartenenti ad una grossa organizzazione criminale (416 bis), dedita anche al traffico internazionale di stupefacenti.

Nella mattinata del 15 giugno 1994 a completamento dell’operazione di Polizia (blitz definito “Notte di San Vito” con esecuzione di circa 350 ordinanze di custodia cautelare in carcere nelle città di Milano, Roma e Palermo) rimane gravemente ferito e, a seguito delle lesioni riportate, dopo 18 mesi di aspettativa per malattia, viene dichiarato dalla Commissione Medica Ospedaliera presso l’Ospedale Militare di Caserta “Vittima della Criminalità Organizzata” ed “idoneo al servizio di Istituto in forma parziale”.

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.