Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Brigadiere Arma Carabinieri ANTONIO ENRICO MONTELEONE

Brigadiere Arma dei Carabinieri  Antonio Enrico Monteleone

nato a Palermo il 06/01/1951 e deceduto a Palermo il 29/11/1985 

 

Arruolatosi a soli 20 anni nell'Arma dei Carabinieri, Antonio Monteleone decide di partecipare al corso di Sottufficiale della durata di 2 anni, di cui il primo anno si svolgeva a Velletri ed il secondo a Firenze. 

Terminato il corso si sposa e da questo matrimonio nascono due figlie, Fabiana e Nadia. Monteleone decide pertanto di stare accanto alla moglie e le figlie dopo anni di lontananza dalla sua terra. 

Il suo ultimo anno e mezzo di vita lo trascorre ad Isola delle Femmine in provincia di Palermo, un paesino che si affaccia sul mare. Questa località turistica in estate diventa meta di molte persone, che si trasferiscono in quel bel luogo per trascorrere le vacanze. 

Nel periodo estivo c'è pertanto molto lavoro in più da svolgere per i Carabinieri, che devono essere sempre pronti ed attenti a quello che succede nel piccolo centro, che era sempre stato un luogo tranquillo. 

Fino al 28 novembre 1985 infatti, mai si erano verificati episodi di criminalità. 

Quella mattina Monteleone esce di casa come sempre ed accompagna le sue due bambine a scuola. Quando arriva in caserma squilla l'allarme collegato con l'ufficio postale di Isola delle Femmine, immediatamente si precipita fuori insieme al collega e anziché fare la strada che conduce alle poste, insieme all'appuntato, decide, per fare prima, di scavalcare un muro alto 2 metri, che divide la caserma dall'ufficio postale. Subito viene individuato da uno dei quattro rapinatori, che nel frattempo aspetta in macchina.

Gli altri tre malviventi, che al momento si trovano dentro l'ufficio, vengono quindi avvertiti dal complice mediante un segnale in codice. I tre rapinatori repentinamente escono con alcuni ostaggi e intimano al Brigadiere Monteleone di buttare l'arma. Anche se già disarmato, il Brigadiere Antonio Monteleone viene ferito da un colpo di pistola al cuore, sparato da uno dei 4 balordi. 

Muore l'indomani all'alba dopo aver subito un delicato intervento al cuore ed essere entrato in coma senza più poter rivedere i suoi cari per un'ultima volta. 

I rapinatori vengono arrestati la notte stessa, ma al processo, proprio colui che ha ucciso Monteleone viene scagionato da uno degli altri tre malviventi, nonostante la testimonianza dell'appuntato, che quel giorno si trovava insieme a Monteleone e che riconosce l'assassino, autore dell'omicidio del sottoufficiale. 

L'assassino viene prosciolto e rimesso in libertà. 

Nel corso degli anni tutto ciò ha provocato alla famiglia rabbia e dolore per l'ingiustizia subita, dal momento che il colpevole è libero di vivere la propria vita, possibilità negata al povero Antonio Monteleone, strappato alla moglie e alle due piccole bambine, cresciute senza il loro padre. 

L'anno dopo la sua uccisione viene intitolata al Sottufficiale una via del comune di Isola delle Femmine. Alla moglie viene consegnata dall'allora Presidente Cossiga la Medaglia al Valor Militare per l'eroico gesto compiuto dal Brigadiere. Ogni anno viene ricordato con una messa dalla comunità di Isola, alla quale partecipano le Autorità, i colleghi, la moglie, le figlie e la piccola nipotina Sofia che ama ascoltare episodi della vita del nonno, che non ha potuto conoscere. 

Le spoglie del sottufficiale riposano al cimitero S. Orsola a Palermo. 

 

"La pratica della giustizia è per ognuno un obbligo morale per gli equilibri personali e sociali."

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.