Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Vigile del Fuoco
MASSIMO CASU

Vigile del Fuoco permanente MASSIMO CASU

 

Medaglia d’oro al Valor Civile alla Memoria    

nato a  Cagliari il 27 gennaio 1968  e deceduto a Samassi (CA) il 17 luglio 2003   

Componente la squadra del Distaccamento Vigili del Fuoco di Sanluri interveniva sul luogo dove si  era sviluppato un incendio di sterpaglie che minacciava di propagarsi oltre la sede stradale.  Mentre si apprestava, con encomiabile slancio ed elevata professionalità, nell'opera di  spegnimento, veniva travolto da un autocarro, che non rallentava la corsa nonostante le  segnalazioni di pericolo adottate, sacrificando la giovane vita ai più nobili ideali di abnegazione e  spirito di servizio. 17 luglio 2003 - Loc. Baccu Managus - Samassi (CA)  

Massimo Casu si sarebbe dovuto sposare proprio quel 17 luglio. La sua futura moglie  Roberta era all’ottavo mese di gravidanza. 

MEDAGLIA D’ORO AL VALOR CIVILE           

Il 28 novembre 2003 il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, in occasione  della ricorrenza di Santa Barbara (4 dicembre), Patrona dei Vigili del Fuoco, ha conferito a  Massimo Casu la Medaglia al Valor Civile alla Memoria.    

INTITOLAZIONE PIAZZA  

Nell’ ottobre del 2004, nella città di Cagliari, e’ stata intitolata una piazza a Massimo Casu.

 

Quel fatidico 17

Il numero 17 è ricorso numerose volte nella vita di Roberta e Massimo ma nessuno poteva  intuire che sarebbe stato così fatale per lui.    

Roberta e Massimo si sono conosciuti il 17 settembre 1997 in una pizzeria, insieme ad  altri amici. Si sono fidanzati il 17 ottobre dello stesso anno e tutti i mesi successivi hanno  festeggiato questa ricorrenza sino allo scadere dell’anno e da qui in poi ogni anno  successivo.    

Massimo aveva da sempre avuto una forte passione per il corpo dei Vigili del Fuoco e  proprio per 17 anni aveva prestato servizio prima come militare e poi come discontinuo.    

Il 17 novembre 2000 Massimo e Roberta sono andati ad abitare insieme ad Assemini; a  Massimo piaceva moltissimo avere una casa propria, tanto da indurlo a rinunciare alla  solita vita mondana in localini notturni e pizzerie fatta insieme a Roberta fino ad allora, e  preferire tranquille serate in casa per poi organizzare il week end al mare insieme.  Il mare  e la pesca a lenza era una delle sue più grandi passioni.    

Il 17 settembre 2002 (5 anni dopo aver conosciuto Roberta) è andato a Roma per dare il  concorso e diventare Vigile del Fuoco effettivo ma la sfortuna e l’inefficenza della  compagnia aerea durante il tragitto Cagliari – Roma gli hanno fatto perdere la preziosa  valigia che conteneva oltre ai suoi indumenti preferiti anche la documentazione medica  che doveva dimostrare la sua perfetta vista (10 decimi) ad entrambi gli occhi, a seguito di  2 costosi interventi per curare la miopia.     

Questi interventi erano stati fortemente voluti e sopportati da Massimo, in quanto molto  dolorosi, proprio per scongiurare una possibile esclusione dal concorso per Vigile  permanente, per il quale Massimo avrebbe fatto qualunque cosa pur di riuscire.    

Massimo ha vinto il concorso come Vigile Permanente a dicembre ed è stato per 6 mesi a  Roma insieme ai suoi colleghi per il corso di addestramento.  E’ rientrato per le vacanze  natalizie a Cagliari e proprio in quei giorni Roberta ha scoperto di essere incinta di  Michela.    

Ormai conviventi da 3 anni, Massimo e Roberta in occasione dell’arrivo di Michela, hanno  deciso di rendere più stabile la loro relazione e di fissare la data del loro matrimonio.   

Hanno dovuto attendere la conclusione del corso semestrale di Roma, fino a fine giugno  2003, per poi fare le pubblicazioni e fissare la data il 17 luglio, numero a loro molto caro.    

Ma il destino ha voluto che uno dei testimoni di Massimo proprio il giorno prima della data  fissata (il 17) ha avuto un imprevisto e i futuri sposi si sono trovati costretti a spostare la  data il 2 agosto, non volendo rinunciare ai testimoni scelti.    

Massimo quindi il 17 luglio si trovava libero come turno lavorativo e così ha deciso di  accettare un turno extra presso la base di Sanluri.    

La notte prima gli era venuta una forte tentazione di rinunciare a questo turno extra per  stare di più con Roberta, dato lo stato avanzato di gravidanza (8° mese) e, dopo averne  parlato con lei, l’aveva rassicurata dicendole: “dai, è l’ultimo extra che faccio”. Non poteva  certo immaginare quale triste verità si nascondeva dietro questa frase. Infatti proprio la mattina del 17 luglio 2003 gli fu fatale nel tragico incidente sulla strada di Sanluri, investito  da un camion che arrivava in velocità proprio sul retro della camionetta dei Vigili, dove lui  srotolava le pompe mentre con la squadra spegneva un piccolo incendio a bordo strada.    

Massimo era molto contento dell’imminente arrivo di Michela, era stato lui a scegliere il  nome e aveva spesso dichiarato di preferire una femminuccia, prima ancora di sapere il  sesso della nascitura.  Stava cominciando ad allenarsi alla guida della carrozzina con  quella di un suo amico e aveva appena acquistato una auto nuova e più grande in  occasione della nascita di Michela.    

Massimo non ha fatto in tempo a riconoscere la propria figlia in quanto il matrimonio con  Roberta non si era potuto celebrare, e la piccola potrà avere il suo cognome (al quale lui  teneva moltissimo) solo attraverso il Tribunale dei Minori, che speriamo possa avvenire  entro la primavera del 2004.    

Michela assomiglia moltissimo al padre, del quale ha lo stesso taglio di occhi e lo stesso  sguardo. Ha gli occhi chiari come lui (li aveva verdi) e il suo stesso sorriso.

 

ONORIFICENZE

medaglia06.jpg

Medaglia d'oro al valor civile

Vigile del Fuoco Permanente
Data del conferimento: 28/11/2003

Alla memoria

motivazione:
Componente la squadra del Distaccamento Vigili del Fuoco di Sanluri interveniva sul luogo dove si era sviluppato un incendio di sterpaglie che minacciava di propagarsi oltre la sede stradale. Mentre si apprestava, con encomiabile slancio ed elevata professionalità, nell'opera di spegnimento, veniva travolto da un autocarro, che non rallentava la corsa nonostante le segnalazioni di pericolo adottate, sacrificando la giovane vita ai più nobili ideali di abnegazione e spirito di servizio. 17 luglio 2003 - Loc. Baccu Managus - Samassi (CA)

 

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.