Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Magistrato
GIROLAMO MINERVINI

Nato a Teramo nel maggio del 1919, entrato in Magistratura nel 1943, ucciso dalle BR il 18 Marzo 1980 su un autobus che lo stava portando in ufficio.

Nella sua lunga carriera di magistrato  aveva dedicato la maggior parte del suo impegno professionale allo studio della normativa penitenziaria e alle attività connesse agli istituti di pena, fino ad essere nominato – proprio due giorni prima della sua morte – direttore generale degli istituti di prevenzione e pena.

Già consapevole di essere nel mirino delle brigate rosse – il suo “dossier” era stato trovato tempo prima in un covo – non ha per un solo momento pensato di rinunciare all’incarico che, ne era certo, gli sarebbe costato la vita. Ai familiari  aveva detto che “in guerra un generale non può rifiutare di andare in un posto dove si muore” e aveva rifiutato la scorta per non sacrificare, insieme alla sua, la vita di altre persone: al questore di Roma, Augusto Isgrò, suo vecchio amico, che da tempo insisteva per fargli accettare la protezione armata, rispose: “non intendo far ammazzare tre o quattro ragazzi”.

Uomo modesto, ma fiero del proprio ruolo, ai vertici della carriera in magistratura aveva sempre impedito, a chiunque, di chiamarlo “eccellenza”: per lui “giudice” era parola alta che identifica una funzione di grande rilevanza e quindi non sostituibile. Nelle poche ore libere che i suoi incarichi gli lasciavano coltivava un fazzoletto di terra a Santa Marinella (RM), in compagnia del portiere dello stabile in cui abitava a Roma.

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.