Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri Feriti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Sovrintendente della Polizia di Stato MASSIMILIANO PANZINO

Nato a Catanzaro il 30.05.1977.
Ferito a Roma il 29.08.2007 durante un servizio di Polizia Giudiziaria.

DESCRIZIONE DELL’EVENTO:

Nel pomeriggio del 29 agosto 2007, il Sovrintendente PANZINO Massimiliano in forza al Commissariato P.S. “Viminale” della Questura di Roma, si trova nella zona della Stazione Termini in servizio di Polizia Giudiziaria a bordo di autovettura con targa di copertura e in abiti civili unitamente ad un altro collega. Durante il servizio, mirato al contrasto del Crimine diffuso, intorno alle ore 16.00, nel transitare in una zona dove è frequente la commissione di reati quali Rapine, Furti e lo spaccio di sostanze stupefacenti, nota un capannello di persone e sente gridare “al ladro, al ladro”, e nel contempo vede fuggire a piedi uno straniero. L’investigatore scende dall’autovettura e si lancia all’inseguimento del soggetto e dopo diversi metri riesce a raggiungerlo, bloccandolo. Ma il malvivente, con una reazione violenta e improvvisa, scaraventa l’investigatore contro una vetrina di un negozio. L’impatto è tremendo, in quanto il vetro si spezza in due parti e il Sovrintendente Panzino cade con la mano sinistra sulla parte di vetro rimasta ancora attaccata alla vetrina: le conseguenze sono le lesioni gravissime dell’arto, consistite nel taglio netto di tre tendini e del nervo della mano, nonché delle arterie ulnare e radiale. L’operante, benché ferito e molto
sanguinante, con l’ausilio dell’altro collega giunto nel frattempo con l’autovettura di servizio, riesce comunque ad assicurare il malvivente alla giustizia. L’operante viene trasportato urgentemente presso il Policlinico Umberto I di Roma, dove viene sottoposto ad un delicatissimo intervento chirurgico che dura diverse ore.


RICONOSCIMENTI:
In servizio nella Polizia di Stato dal 1996, arruolatosi come Agente Ausiliario di Leva, vince nel 2006 il concorso da Sovrintendente, risultando uno degli Ufficiali di Polizia Giudiziaria più giovani d’Italia.
Per l’Attività svolta nei vari Uffici Operativi della Polizia di Stato dove ha prestato servizio e per i risultati conseguiti nel contrasto alla Criminalità Diffusa, gli vengono concessi diversi Encomi, Lodi, Premi in Denaro e Speciali Riconoscimenti dal Capo della Polizia e da diverse Autorità di Pubblica Sicurezza, tra le quali, in particolare, i Questori delle sedi di Napoli e Roma. Inoltre riceve l’ATTESTATO DI PUBBLICA BENEMERENZA dalla PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Protezione Civile per i Servizi di Ordine e Sicurezza Pubblica svolti durante i GRANDI EVENTI a Roma.

Il 05 Marzo 2008, CON DECRETO DEL SIG. CAPO DELLA POLIZIA, viene riconosciuto “VITTIMA DEL DOVERE”, con la concessione della Speciale Elargizione, in merito all’invalidità permanente subita nell’evento lesivo e il suo nominativo viene inserito nella Graduatoria Nazionale dei Feriti del Ministero dell’Interno.

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.