Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri comunicati
16 GIUGNO 2018
GiornalediMonza.it - Il saluto della città al Maresciallo Stefano Piantadosi

Il maresciallo è stato ucciso da un malvivente 38 anni fa.

Venerdì pomeriggio i Carabinieri e le autorità locali hanno reso omaggio al maresciallo capo Stefano Piantadosi ucciso il 15 giugno del 1980 e sepolto a Bernareggio.

La storia di Piantadosi

Si tratta di un eroe dell’Arma, scomparso a soli 45 anni per il suo senso del dovere il 15 giugno 1980. Piantadosi, comandante della stazione di Locate Triulzi dal 1970, quel giorno effettuava un servizio d’ordine durante una gara ciclistica a Opera. Un malvivente, individuato dal maresciallo, che si muoveva con fare sospetto tra il pubblico, fu fermato per un controllo. Il comandante era alla guida del veicolo, accompagnato da un altro carabiniere che stava per perquisire il sospettato quando questi, estratta una pistola nascosta tra gli abiti, sparò a Piantadosi, padre di due figli. Il killer era ricercato per omicidio, latitante da quattro anni già condannato. Il maresciallo fu sepolto nel cimitero di Bernareggio insieme con la moglie, originaria della località brianzola.

La cerimonia di ricordo

Venerdì pomeriggio, in occasione dell’anniversario della scomparsa, a portare il proprio saluto erano presenti la figlia Emanuela, il comandante della stazione dei Carabinieri di Bernareggio il Maresciallo Marco Barsanti, i presidenti dell’associazione nazionale Carabinieri, don Luca Raimondi e don Fiorino Ronchi.

Tratto da GiornalediMonza.it

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2019
AGENDA DELLE RICORRENZE