Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Vice Brigadiere di Polizia FRANCO ZIZZI

Nato a Fasano (BR) il 4/06/1948, Franco Zizzi qui trascorre gli anni della sua fanciullezza e adolescenza. Frequenta la scuola elementare e media a Fasano e la prosegue presso i Salesiani di Cisternino (BR).
Si iscrive, poi, all’Istituto Magistrale “S. Benedetto” di Conversano (BA). Chiamato al servizio militare, si arruola nella Polizia di Stato.

franco_zizzi_01.jpg

Non si sa come sia maturato in lui il progetto della vita militare.
Inizia la carriera nella scuola di Polizia di Caserta, dove svolge la funzione di istruttore. Dopo poco tempo concorre al corso per sottufficiali e nella scuola di Nettuno si qualifica con il grado di Vice Brigadiere di Polizia.
Assegnato, come prima sede, alla Questura di Parma, vi rimane per un solo anno (dal 1977 al 1978) e da qui, per espressa sua volontà, chiede un trasferimento. Lo ottiene a Roma nel febbraio del 1978 e dopo la consueta licenza trascorsa a Fasano a casa dei genitori (era celibe) prende ufficialmente servizio nella capitale il 1° marzo.
Con tutto l’entusiasmo che lo contraddistingueva, inizia il suo lavoro al Viminale e alla richiesta di sostituire per un breve periodo il collega Brigadiere Rocco Gentiluomo (già da 14 anni al servizio di scorta dell’On. Aldo Moro) Franco Zizzi accetta con animo generoso, pur non essendo addetto alla scorta, né preparato a tale incarico in quegli anni di sospetti e di paure definiti gli anni di piombo.
Assume, l’incarico al seguito dell’On. Aldo Moro proprio quella fatidica mattina del 16 marzo, in cui viene brutalmente stroncato dalle Brigate Rosse insieme ad altri quattro agenti, mentre l’On. Aldo Moro veniva rapito.
Quel 16 marzo l’Italia pianse con sdegno e con dolore quei cinque innocenti colpiti a morte e si interrogò sgomenta sulla sorte dell’Onorevole rapito.

franco_zizzi_02.jpg
La storia personale di Franco Zizzi sembra assurda. Sembra assurdo come possa essere accaduta una tragedia così grande a una persona come lui, che nutriva un profondo rispetto nei confronti degli altri. Sembra assurda una morte così atroce a una persona che amava con tanta intensità e vigore la vita!
C’è troppo orrore nell’immaginare soltanto l’efferatezza subìta!
Partito ragazzo nella primavera degli anni, con i suoi ideali nel cuore e con la spensieratezza propria dell’età (aveva solo 29 anni) la morte venne fulminea e con essa si spensero le sue più vive passioni: dall’automobilismo alla caccia, dal canto alle esibizioni musicali con la chitarra nei recital amatoriali.
franco_zizzi_03.jpg
franco_zizzi_04.jpg
Fu l’unico dei cinque agenti a rimanere ferito. Trasportato al Policlinico Gemelli gli viene diagnosticata la morte clinica e dopo il disperato intervento dei tre chirurghi, prof. Castiglioni, prof. Intonti, prof. Barone, nel tentativo di salvargli la vita, muore per arresto cardio-circolatorio, alle ore 12.30 dello stesso giorno.
I proiettili gli avevano spaccato il cuore. Dissero i chirurghi all’epoca: “Non si può ricostruire purtroppo ciò che è stato così orrendamente distrutto”.
Grande e lacerante è il vuoto che lascia in famiglia, un dolore lancinante agli anziani genitori, colpiti anche loro quella mattina del 16 marzo da quelle stesse armi micidiali.
franco_zizzi_05.jpg
Lo stesso 16 marzo e poi nei giorni immediatamente successivi, i Consigli Comunali di molte città italiane si riunirono in seduta straordinaria, di cui rimane traccia nelle delibere. Se ne citano alcune:
16/03 è riunito il Consiglio Comunale di Siena
16/03 è riunito il Consiglio Comunale di Gavorrano (Grosseto)
16/03 è riunito il Consiglio Comunale di Cattolica Eraclea (Agrigento)
17/03 è riunito il Consiglio Comunale di Terzigno (Napoli)
17/03 è riunito il Consiglio Comunale di Campagna (Salerno)
17/03 è riunito il Consiglio Comunale di Barrafranca (Enna)
18/03 è riunito il Consiglio Comunale di Proceno (Viterbo)
18/03 è riunito il Consiglio Comunale di San Severo (Foggia)
22/03 è riunito il Consiglio Comunale di Serravalle Sesia (Vercelli)
28/03 è riunito il Consiglio Comunale di Cairano (Avellino)
29/03 è riunito il Consiglio Comunale di Sarnano (Macerata)
03/04 è riunito il Consiglio Comunale di Francofonte (Siracusa)
11/07/79 è riunito il Consiglio Comunale di Legnano (Milano)
franco_zizzi_06.jpg
Ai funerali di Stato a Roma e ai funerali celebrati nei paesi di origine, tanti quante  sono le memorie di vita e di morte che si sono tragicamente congiunte, seguirono, in tutta Italia, commemorazioni varie, celebrazioni eucaristiche, manifestazioni per l’intitolazione di piazze e strade, per lo scoprimento di lapidi e monumenti per la “memoria storica”.
Inoltre omaggi sinceri e testimonianze di affetto e di sentita riconoscenza, da quelle più semplici dei bambini a quelle ufficiali di Enti Nazionali, di rappresentanze sindacali e aziendali, di Consigli di quartiere e Assemblee straordinarie di Istituti e Consigli di Circolo, fecero registrare una grandissima partecipazione umana al dolore di familiari e amici.
Tra le tante iniziative si cita la cerimonia commemorativa svolta il 03/06/1978 nella Questura di Parma, nel corso della quale fu scoperta una lapide a ricordo di Franco Zizzi.
L’iniziativa, voluta dal Questore dott. A. Isgrò e dai suoi colleghi, ebbe l’affettuosa partecipazione delle Autorità locali e della cittadinanza tutta ed interpretò “i sentimenti di stima e di affetto di tutto il Personale della Questura per il povero Francesco, il cui ricordo resterà indelebile”.
Sempre a Parma nell’anno 2010 viene intitolata a Franco Zizzi la nuova Caserma di Polizia. Alla manifestazione partecipa il capo della Polizia dott. Manganelli e tanti suoi ex colleghi e amici.
franco_zizzi_07.jpg
ALTI RICONOSCIMENTI
  • L’imperitura gratitudine per il sacrificio della vita fu consacrata dall’altissimo riconoscimento del Capo dello Stato, On. Avv. Sandro Pertini, che conferì la medaglia d’oro al valore civile, quale vittima del dovere e che consegnò alla famiglia nel corso di una solenne cerimonia in occasione della festa della Polizia del 2 giugno 1979
  • Una medaglia d’oro alla memoria fu conferita dall’Amministrazione del Ministero dell’Interno, Direzione Generale della P.S.
  • Una medaglia d’oro fu conferita il 25 aprile 1981 dall’A.N.P.I. di Brindisi durante la manifestazione celebrativa del XXXVI Anniversario della liberazione.
  • Una medaglia d’argento alla memoria fu conferita il 25 aprile 1982 dall’A.N.P.I. di Bitonto (BA) nel XXXVII Anniversario della liberazione.
  • Una medaglia d’oro fu conferita dal Prefetto di Brindisi l’1/02/1986.
  • Una medaglia d’oro fu conferita dal Presidente del Consiglio dei Ministri, a nome del Governo Italiano il 16/03/1988, nel quarantennale dell’approvazione della Costituzione Italiana (la stessa medaglia consegnata ai costituenti il 14/02/1988) con la seguente motivazione:
franco_zizzi_08.jpg
franco_zizzi_09.jpg
  • Il premio Sicurezza = Libertà fu conferito da Ordine Pubblico, Organo d’informazione per le Forze di Polizia.
franco_zizzi_10.jpg
ALTRI GESTI IN ONORE ALLA SUA MEMORIA
  • Fu offerto un trofeo in Sodalite del Sud-Africa, con dedica e stemma della Repubblica Italiana in oro, dalle sezioni A.N.G.P.S. della Puglia.
  • Fu dedicato l’Annullo Filatelico della 60ª edizione della fiera Nazionale della Ascensione di Francavilla Fontana dal tema: “Personaggi illustri salentini – Eroi del nostro tempo – Vittime del dovere”, il 9 maggio 1999.
  • A Fasano gli vengono intitolati: la sezione Avis, la caserma di Polizia di Stato, il largo antistante la sua abitazione, la Sezione Comunale della Federazione Italiana della Caccia e la palestra dell’Istituto Statale Alberghiero “Salvemini”.
  • A Brindisi gli viene intitolata una grande piazza alberata e sempre fiorita.
franco_zizzi_11.jpg
franco_zizzi_12.jpg
Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2018
AGENDA DELLE RICORRENZE