Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri comunicati
30 GENNAIO 2015
COMUNICATO STAMPA - Prefettura di Monza e Brianza - Conferenza stampa di presentazione del Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Lega

Prefettura di Monza e Brianza, 30 gennaio – ore 11,00

sede di rappresentanza Villa Fossati Lamperti - Monza, via Casati n. 19

Conferenza stampa di presentazione del Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità: Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza insieme per la legalità, in memoria delle Vittime del Dovere - a.s. 2014/15

Difendersi dalle insidie del web, capire cosa si rischia abusando di droga e alcol, comprendere quanto siano dannosi per la società comportamenti apparentemente innocui come l’acquisto di un cd pirata all’angolo della strada, sono solo alcuni dei numerosi argomenti con i quali i giovani si confronteranno durante gli incontri del “Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità: Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza” nato dalla collaborazione tra Prefettura di Monza e della Brianza, l’Associazione Vittime del Dovere, le Forze dell'Ordine, le Istituzioni e le Scuole di Monza e Provincia.

Il grande successo conseguito lo scorso anno tra gli studenti brianzoli, che ha visto protagonisti oltre tremila alunni, ha spinto l’Associazione Vittime del Dovere, d’intesa con le istituzioni civili e militari del territorio, a presentare anche per  l’anno scolastico 2014/15 la seconda edizione del “Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità”, al fine di dare un’ampia panoramica su alcuni aspetti della legalità imprescindibili nell’educazione di ogni giovane e delle competenze delle tre Forze dell’Ordine presenti sul territorio nazionale.

Il progetto si inserisce nell’ambito delle attività che l’Associazione Vittime del Dovere svolge dal 2009 nelle scuole di ogni ordine e grado, al fine di promuovere la cultura della legalità e avvicinare i ragazzi alle Istituzioni. Oltre a ricordare il sacrificio delle vittime e facendo conoscere ai giovani il ruolo delle Forze di Polizia che quotidianamente lavorano al servizio della collettività, l’obiettivo degli incontri è quello di fornire agli studenti dei capisaldi ai quali fare riferimento per districarsi nella complessa realtà sociale attuale e per interessarli e coinvolgerli sui molteplici aspetti della legalità.

Sempre più precocemente attivi nella vita sociale, i giovani studenti potranno confrontarsi a fondo con il concetto di Stato, regole e normative, direttamente con coloro che ogni giorno sono chiamati ad incarnare lo Stato e farne rispettare le norme. Oltre a ciò, è desiderio dell’associazione che i giovani ascoltino le storie delle vittime direttamente da chi indossa una divisa o attraverso la voce dei congiunti, a testimonianza di vite spese per l’affermazione dei principi di legalità e giustizia che sono alla base della convivenza civile.

Le tematiche tra cui le scuole hanno potuto scegliere sono:

·       Cyberbullying e cyberstalking: conoscerli per difendersi in collaborazione con la Polizia di Stato

·       Alcol e droga – le dipendenze che umiliano i giovani in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri

·       Educazione della Legalità economica in collaborazione con la Guardia di Finanza

Gli incontri tra gli studenti, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e l’Associazione Vittime del Dovere si svolgeranno presso l’Aula Magna degli Istituti scolastici nei mesi di febbraio, marzo e aprile  2015. Al termine delle conferenze, sarà richiesto agli studenti di  sviluppare, secondo il loro interesse e la loro sensibilità, degli elaborati (grafici, scritti, multimediali, individuali o collettivi) sulle tematiche affrontate. I lavori, suddivisi per categorie ed argomenti, verranno valutati da una commissione composta da membri designati dai soggetti attuatori e quelli valutati più efficaci, saranno premiati con un attestato.
La cerimonia di premiazione si svolgerà nel mese di maggio 2015, presso il Teatro Villoresi di Monza.

Sono dodici  le scuole Secondarie di primo e secondo grado di Monza e Provincia che hanno inoltrato la richiesta di partecipazione, alcune delle quali hanno differenziato la propria scelta anche su due o tre tematiche.
In totale saranno coinvolti circa duemila alunni di Monza e provincia.

Il progetto della Polizia di Stato “Cyberbullying e cyberstalking: conoscerli per difendersi” interesserà 10 istituti tra i quali “ITI Pino Hensemberger” (Monza), “Ipsia” (Monza), "Falcone Borsellino" (Caponago), “IC Valsecchi Bagatti” (Varedo), “IC Confalonieri” (Monza), “IC Aldo Moro – secondaria di primo grado Manzoni” (Seregno), “IC Salvo D’Acquisto” (Muggiò), “IC Mercalli” (Seregno), “IIS Europa Unita” (Lissone), “IIS Castiglioni” (Limbiate)-

La scelta è ricaduta sulla tematica “Alcol e droga – le dipendenze che umiliano i giovani” affrontata dall'Arma dei Carabinieri per 3  Istituti: “Mosè Bianchi” (Monza), ), "Falcone Borsellino" (Caponago), “IC Confalonieri” (Monza).

In 3 hanno scelto il tema “Educazione alla legalità economica” della Guardia di Finanza: “ITI Pino Hensemberger” (Monza), “IC F.lli Cervi” (Limbiate), “IIS Europa Unita” (Lissone).

L'Associazione Vittime del Dovere rivolge i più sentiti ringraziamenti al Prefetto Giovanna Vilasi che anche quest’anno ha voluto in prima persona sostenere e promuovere il progetto.

Un sincero ringraziamento al Vicequestore Angelo Re, Primo Dirigente del Commissariato della Polizia di Stato di Monza, al Ten. Col. Gerardo Petitto, Comandante del Gruppo Carabinieri di Monza, al Col. Mario Salerno, Comandante del Gruppo Monza della Guardia di Finanza che, insieme ai loro collaboratori, hanno voluto accettare questo tanto grande quanto sentito impegno per contribuire alla formazione delle nuove generazioni e per rafforzare il ricordo dei moltissimi colleghi caduti in servizio.

Apprezzamento va alla Provincia di Monza e Brianza, al Comune di Monza, al Piano Nazionale “Più scuola meno mafia” del MIUR per aver concesso il patrocinio. Un plauso poi al Gruppo24Ore.

 

L'Associazione di volontariato Onlus Vittime del Dovere

L'Associazione di volontariato Onlus Vittime del Dovere con sede legale presso la Casa del Volontariato di Monza, si è costituita per iniziativa di vedove, orfani, invalidi e genitori di appartenenti alle Forze dell'Ordine e Forze Armate, caduti o feriti durante lo svolgimento dei propri compiti istituzionali. L'Associazione, apartitica e senza fini di lucro, è a carattere nazionale e persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, impegnandosi in modo tenace e concreto, affinché sia consolidata una legislazione equa e rispettosa della memoria delle Vittime del Dovere e siano garantite adeguate tutele alle famiglie dei caduti e agli invalidi. Iscritta al Registro Regionale del Volontariato, Sezione Provinciale di Milano, con decreto n. 534/2008, e al Registro delle Associazioni del Comune di Monza, con atto n. 243/2008, si avvale in modo determinante e prevalente delle prestazioni volontarie dei propri aderenti. L'Associazione Vittime del Dovere è oggi punto di riferimento per coloro che si trovano soli ad affrontare le difficoltà conseguenti alla perdita del proprio congiunto o all'invalidità conseguita. I contenuti e la struttura dell'Associazione sono ispirati a principi di solidarietà, trasparenza e democrazia.

ASSOCIAZIONE VITTIME DEL DOVERE ONLUS

 

 Emanuela Piantadosi - Vittime del Dovere - Gigi Ponti - cherubina bertola.jpg

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2019
AGENDA DELLE RICORRENZE