Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Agente Scelto della Polizia Penitenziaria
GIUSEPPE PINO MONTALTO

 

Nato a Trapani il 14 maggio 1965
Deceduto a Palma (TP) il 23 dicembre 1995

L'Agente Scelto Giuseppe Montalto, chiamato dagli amici “Pino”, nasce a Trapani il 14 maggio 1965. Dopo il servizio militare entra nel corpo della Polizia Penitenziaria svolgendo servizio, per alcuni anni, a Torino presso il Carcere “Le Nuove” e successivamente presso la Casa Circondariale “Le Vallette”. Nel 1991 si sposa con Liliana con la quale va a vivere a Torino. Su sua richiesta, nel 1994, spinto dall' amore e dall'attaccamento per la sua terra,  viene trasferito alla Casa Circondariale Ucciardone di Palerm, nella sezione di massima sicurezza, riservata ai boss mafiosi. Qui espleta il compito di vigilare sui detenuti sottoposti al regime del 41 bis. Nel 1995 nasce la sua primogenita Federica.
Il 23 dicembre dello stesso anno Giuseppe Montalto viene assassinato davanti agli occhi della moglie incinta e della figlia di appena dieci mesi. 
Dalle dichiarazioni di alcuni pentiti si saprà poi che è stato un omicidio, commesso proprio l’antivigilia di Natale, per fare un regalo ai detenuti sottoposti al 41 bis, con cui Giuseppe aveva avuto dei contrasti, ma anche per dare un segnale forte allo Stato. La sera dopo i boss si incontrarono in una villa a Valderice per lo scambio degli auguri e per festeggiare l'omicidio, consumando un lauto banchetto senza pensare al dolore arrecato alla famiglia di Giuseppe.
Un tenero pensiero va alle figlie Federica ed Ilenia Giuseppa, nata otto mesi dopo la sua morte e di cui porta il nome. In ogni ricorrenza, purtroppo, la dolorosa ferita della sua perdita riapre una dolorosa ferita. 
Riconosciuto ”Vittima del Dovere” ai sensi della legge 466/1980 dal Ministero dell'Interno in data 19/11/1997 gli è stata conferita la Medaglia d' Oro al Merito Civile alla memoria con la seguente motivazione: Preposto al servizio di sorveglianza di esponenti del clan mafiosa di “Cosa Nostra”, nonché di criminali sottoposti al regime carcerario del 41 bis, assolveva il proprio  compito con fermezza, abnegazione e alto senso del dovere.
Proditoriamente fatto segno a colpi d'arma da fuoco in un vile attentato tesogli con efferata ferocia da appartenenti all'organizzazione criminosa, sacrificava la vita a difesa dello Stato e delle istituzioni.
Località Palma (TP) , 23 dicembre 1995.
A Giuseppe sono intitolate le Caserme Agenti dei Reparti di Palermo Ucciardone e Agrigento, la Sala Convegno del Reparto di Ragusa e la Piazza del paese dove viveva con la sua famiglia. 

caduto_montalto02.jpg

Montalto, fino all'ultimo respiro. Diario sentimentale è il titolo del libro dedicato a Giuseppe, scritto da Antonio G. D'Errico e Donato Placido, con prefazione del Dott. Giancarlo Caselli, edito da Laterza.

caduto_montalto03.jpg

 

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.