Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
Progetti di educazione alla legalità
06 FEBBRAIO 2012
Monza - Progetto "I giovani di Monza e la Polizia di Stato - Cyberbullying e cyberstalking, conoscerli per difendersi"

L’Associazione di Volontariato Onlus Vittime del Dovere, che rappresenta sul territorio nazionale le famiglie di appartenenti alle Forze dell’Ordine e Forze Armate caduti o rimasti invalidi in servizio, con il progetto pluriennale di “Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità” vuole sensibilizzare i ragazzi sul tema del sacrificio di chi dona la vita per lo Stato e contestualmente fornire ai giovani degli strumenti che possano aiutarli a conoscere ed approfondire tematiche legate alla giustizia e alla legalità.

Il progetto iniziato, durante l’anno scolastico 2009-10, grazie alla collaborazione con il Comune di Monza e l’Arma dei Carabinieri, quest’anno è alla sua seconda edizione. Esso vede la collaborazione diretta della Polizia di Stato e in particolare il compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni per la Lombardia.

L’Associazione ha tra i suoi obiettivi statutari la promozione della cultura della legalità, il tema proposto per il progetto é il cyberbullismo e il cyberstalking. Si vuole affrontare l’utilizzo improprio da parte dei ragazzi degli strumenti informatici e di telecomunicazione. Questi argomenti rappresentano un terreno nuovo e poco conosciuto dai ragazzi e dai loro genitori. Non se ne conoscono limiti, pericoli e possibili situazioni di criticità.

Il progetto parte con incontri rivolti ai ragazzi che si svolgeranno presso il Liceo Zucchi e con l’Istituto Mapelli. Verrà comunque esteso a tutte le scuole di Monza che ne faranno richiesta.

Gli interventi saranno di circa due ore, una prima parte sarà dedicata all’approfondimento dell’attività dell’Associazione e alle testimonianze di familiari di Vittime del Dovere della Polizia di Stato, colpite dalla criminalità mentre prestavano servizio; la seconda, condotta dalla Polizia Postale e delle Comunicazioni, affronterà nello specifico la tematica del cyberbullismo e del cyberstalking.

Al temine degli incontri si chiederà agli studenti di sviluppare, secondo il loro interesse e la loro sensibilità, le tematiche proposte durante i dibattiti attraverso i mezzi espressivi a loro più congeniali.

L’obiettivo è quello di creare un momento di riflessione sulla legalità e sulla giustizia, valori per cui le Vittime del Dovere hanno speso la propria vita. Si propongono inoltre argomenti come il cyberbullismo e il cyberstalking, fenomeni che interessano più da vicino i ragazzi.

L’Associazione Vittime del Dovere esprime i più sentiti ringraziamenti al Signor Prefetto Renato Saccone che in questi mesi si è prodigato per consentire la realizzazione dell’iniziativa ed è stato al fianco dell’Associazione, credendo fermamente nell’importanza del coinvolgimento dei giovani su temi della giustizia.

Un grazie alla Polizia di Stato che, fornisce costantemente il suo sostegno e il fattivo contributo all’Associazione in occasione delle tante iniziative, proposte sul territorio nazionale, in virtù dell’affetto verso le famiglie dei colleghi caduti o rimasti invalidi. In particolare al Compartimento della Polizia postale, che accompagnerà l’Associazione durante gli incontri con i ragazzi, vanno i sentimenti di gratitudine e stima. La preziosa competenza e professionalità su questo tema rende unico il Compartimento nel panorama delle varie specialità di tutte le Forze dell’Ordine.

Infine un grazie alla Regione Lombardia, alla Provincia di Monza e Brianza, al Comune di Monza, al Ministero dell’Istruzione e ai dirigenti scolastici che hanno apprezzato ed autorizzato l’iniziativa.

Si ricorda che il progetto si svolge in concomitanza con il 7 febbraio 2012, Safer Internet Day, giornata internazionale istituita dalla Commissione Europea per la promozione dell’utilizzo sicuro e responsabile dei Nuovi Media tra i giovani.

ASSOCIAZIONE VITTIME DEL DOVERE

 

 


Monza -progetto educazione 2012.jpg

 

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.