Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
Progetti di educazione alla legalità
L’Associazione Vittime del Dovere opera a livello nazionale affinché venga diffusa la cultura della legalità tra i giovani, attraverso progetti specifici rivolti agli studenti di Istituiti scolastici di ogni ordine e grado su tutto il territorio nazionale.

Grazie alla preziosa e insostituibile collaborazione delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate, i Progetti di Educazione alla Legalità e alla Cittadinanza, il cui carattere innovativo viene riconfermato ogni anno dal numero di adesioni, ha coinvolto ad oggi oltre 27 mila studenti.

Tutto ebbe inizio nell’a.s. 2009/10 quando nella città di Monza, con l’ausilio della Prefettura, del Comune e dell’Arma dei Carabinieri, furono organizzati circa 30 incontri tra i bambini della Scuola dell’Infanzia, gli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado e i rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri. Fu proposto uno spettacolo teatrale dal titolo “Cittadini per non essere burattini” coinvolgendo complessivamente circa 4200 ragazzi.
L’iniziativa vide nell’a.s. 2010/2011 la collaborazione con la Polizia di Stato per un progetto dal titolo “I giovani di Monza e la Polizia di Stato - Cyberbullying e cyberstalking, conoscerli per difendersi”.
“Educazione alla Cittadinanza e alla legalità fiscale” fu il nome del percorso svolto nell’a.s. 2012/2013 con la Guardia di Finanza.

A partire dall’a.s. 2014/15 fino ad oggi è stato impostato un unico grande progetto denominato “Progetto interforze” che ha visto coinvolte le Forze dell’Ordine e le Forze Armate con l’intento di proporre e affrontare argomenti di grande interesse per i giovani e precisamente:
  • Cyberbullying e cyberstalking: conoscerli per difendersi in collaborazione con la Polizia di Stato;
  • Alcol e droga – Indipendente: contrasto alle vecchie e nuove dipendenze in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri;
  • Educazione alla Legalità economica in collaborazione con la Guardia di Finanza;
  • L'Esercito Italiano e il contrasto alla criminalità e al terrorismo sul territorio nazionale e in campo internazionale in collaborazione con l’Esercito Italiano
Nell’a.s. 2015/16 è partito il medesimo progetto anche nella Città Metropolitana di Milano coinvolgendo anche la Scuola Militare Teuliè e, successivamente, dall’a.s. 2016/17 sono stati interessati al progetto gli istituti scolastici di cinque province lombarde ( Milano, Monza, Varese, Brescia, Bergamo) per un totale di più di 3000 ragazzi.

Oggi la platea degli Istituti coinvolti si è notevolmente ampliata: la nostra Associazione ha interessato con i suoi progetti, oltre la Lombardia (Milano e Città Metropolitana, Bergamo, Brescia, Monza e Brianza, Varese), anche la regione Lazio (Città metropolitana di Roma), l’Abruzzo (l’Aquila e Sulmona) e la Campania (Napoli e Caserta).

Per l’anno scolastico 2019/2020, infine è stato proposto anche il nuovo CONCORSO DI IDEE “LE VITTIME DEL DOVERE: PATRIMONIO ETICO DELLA NAZIONE” ideato e realizzato dalla Onlus al fine di rivolgere ai giovani studenti delle scuole secondarie di primo e secondo grado di tutta Italia: una riflessione sul ruolo delle Vittime in generale e, in particolare chiedendo ai partecipanti di riscoprire la storia di una Vittima del proprio territorio.

In linea generale tutti i progetti hanno spiccata valenza culturale ed educativa, e la modulazione degli incontri consente di raggiungere obiettivi specifici:

  • Fare prevenzione
  • Creare un’occasione per interessare e coinvolgere gli studenti su numerosi aspetti della legalità, affrontati nel contesto “gruppo classe” composto da adolescenti che si ritrovano a vivere un momento delicato della loro esistenza con l’adattamento alla società e alle regole degli adulti
  • Avvicinare i giovani alle Forze dell’Ordine e alle Forze Armate al fine di generare rispetto e considerazione per il ruolo che esse svolgono al servizio della collettività
  • Ricordare il sacrificio delle vittime presentando le storie di quanti hanno sacrificato e la loro integrità fisica per i più alti valori di legalità e giustizia, che sono alla base della convivenza civile.
Inoltre, di non minor importanza, i nostri progetti sono completamente gratuiti e le modalità di realizzazione:

  • consentono di stimolare gli studenti in modo propositivo, nel corso degli incontri, grazie al confronto diretto con le Forze dell’Ordine e le Forze Armate
  • aiutano a motivare i ragazzi nell’approfondire le tematiche nel corso dell’anno scolastico attraverso la realizzazione un elaborato finale
  • gratificano tutti i partecipanti per l’impegno, sia professori sia alunni, che nel corso di una premiazione, svolta in ambito istituzionale, sono protagonisti indiscussi
I progetti della legalità hanno riscosso enorme successo, riscontrando nel corso degli anni una crescita costante del numero di adesioni. Sempre più Istituti scolastici hanno accolto con grande entusiasmo la proposta didattica, tanto da farla divenire tradizionale appuntamento durante l’anno scolastico in corso.

L’impegno dell’Associazione nella formazione dei futuri cittadini è stato riconosciuto nel corso del tempo dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) attraverso la sottoscrizione di protocolli d’Intesa con l’Associazione per promuovere iniziative formative e didattiche: il primo protocollo è stato firmato in data 12 ottobre 2013 e il secondo protocollo è stato sottoscritto in data 4 ottobre 2018.

L’alto valore morale e sociale dei progetti della Legalità viene espressamente enunciato e sottolineato dalle adesioni del Presidente della Repubblica ricevute ogni anno dal Quirinale.
23 GENNAIO 2020
Comunicato Stampa - Prefettura di Milano: Conferenza di Presentazione "Progetto Interforze in memoria delle Vittime del Dovere"

Milano, 23 gennaio 2020, ore 10, Prefettura di Milano
Corso Monforte 31

Conferenza di presentazione del “Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità: Esercito Italiano, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza - Insieme per la legalità, in memoria delle Vittime del Dovere - a.s. 2019/2020”
rivolto agli studenti delle Scuole Secondarie di Primo e Secondo grado di Milano e Città Metropolitana e delle Province di Bergamo, Brescia, Monza e Brianza, Varese

Il Progetto ha ottenuto il conferimento della Medaglia del Presidente della Repubblica

Continua a rinnovarsi e a crescere, anno dopo anno, il “Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità” dell’Associazione Vittime del Dovere che, insieme alle Forze dell’Ordine, alle Forze Armate e alle Istituzioni, accompagnerà anche per l’anno scolastico 2019/2020 gli studenti lombardi in un percorso di riflessione su temi che riguardano problematiche giovanili di grande attualità, come il cyberbullismo e il cyberstalking, l’abuso di alcol e droga, la legalità economica, e l’impegno dei nostri militari all’estero e nell’antiterrorismo.

Dopo l’affermazione ottenuta grazie a riscontri positivi registrati nelle precedenti edizioni, con incontri dedicati a migliaia di studenti a Milano, Monza, Bergamo, Brescia e Varese, l’Associazione Vittime del Dovere torna con l’ormai tradizionale appuntamento rivolto alle Scuole Secondarie di Primo e Secondo Grado per ricordare i tanti servitori dello Stato che hanno donato la propria vita per aiutare gli altri.

L’iniziativa, che nella passata edizione ha coinvolto oltre 3000 studenti, per il suo carattere di innovatività, validità e senso civico, anche quest’anno annovera la prestigiosa medaglia del Presidente della Repubblica.

Alla conferenza di presentazione, che si è tenuta il 23 gennaio 2020, alle ore 10, nella prestigiosa cornice della Prefettura di Milano, sono intervenuti:

Prefetto di Milano, S.E. Renato Saccone
Assessore alla Sicurezza di Regione Lombardia, Dott. Riccardo De Corato
Vicesindaco del Comune di Milano, Dott.ssa Anna Scavuzzo
Comandante del Comando Militare Esercito Lombardia, Generale Michele Cittadella
Dott. Cristiano Tatarelli, Vicario Questura di Milano
Dott. Rocco Nardulli, Vice Questore Polizia Postale di Milano
Comandante Provinciale dei Carabinieri di Milano, Col. Luca de Marchis
Comandante Provinciale Guardia di Finanza di Milano, Gen. B. Stefano Cosimo De Braco
Dirigente Ufficio Scolastico Milano, Dott. Marco Bussetti

Inoltre hanno presenziato all’evento il Viceprefetto Aggiunto della Prefettura di Bergamo, Dott. Carmelo Trattaro, Comandante Provinciale Arma dei Carabinieri di Monza e Brianza, Col. Simone Pacioni, Comandate Scuola Militare Teuliè, Col. Daniele Pepe, Maggiore Davide Gaboardi, Comando Militare Esercito Lombardia, Cons. alla Polizia Provinciale di Monza e Brianza, Dott. Andrea Villa.

Nel corso della mattinata il Presidente dell’Associazione, Emanuela Piantadosi, ha mostrato ai presenti i lavori prodotti dagli studenti del Politecnico di Milano in occasione del Workshop “Piccole prose visive. Forme brevi della comunicazione per la promozione dei temi sociali”, tenutosi dal 17 al 21 giugno 2019, curato dalla Professoressa Valeria Bucchetti e dalla Professoressa Pamela Visconti. I video, infatti, verranno impiegati durante le lezioni del Progetto Interforze per spiegare, attraverso le immagini, i concetti di: Democrazia, Solidarietà sociale, Sicurezza, Tutela della dignità umana, Vittime del dovere, Rispetto degli altri, Giustizia.

Non solo: l’occasione è stata lieta per ricordare la scadenza prossima del Concorso di idee “Le Vittime del Dovere: patrimonio etico della nazione”, promosso in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e rivolto agli studenti di tutta Italia. L’iniziativa, il cui obiettivo principale è mantenere viva la memoria di coloro che, servendo lo Stato, hanno messo a repentaglio, e in alcuni casi hanno sacrificato, la propria vita per l’intera comunità, terminerà il 28 febbraio 2020 con la consegna dei temi e la successiva premiazione.

Modalità di intervento - Il Progetto Interforze si strutturerà attraverso singoli incontri tra i rappresentanti dell’Associazione, delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate e i ragazzi delle scuole, consentendo, ancora una volta, di delineare un’inestimabile occasione di confronto, dialogo, approfondimento e scambio di esperienze.
Gli argomenti da affrontare saranno cinque:

 

  • “Cyberbullying e cyberstalking: conoscerli per difendersi” in collaborazione con la Polizia di Stato
  • “L'Esercito Italiano e il contrasto alla criminalità e al terrorismo sul territorio nazionale e in campo internazionale” in collaborazione con l’Esercito Italiano
  • “IN-DIPENDENTE: progetto di sensibilizzazione e contrasto alle dipendenze” in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri
  • “Educazione della Legalità economica” in collaborazione con la Guardia di Finanza
  • “Vittime del Dovere, patrimonio etico della Nazione” tema proposto dall’Associazione Vittime del Dovere

 

Della durata di circa 3 ore, i dibattiti si articoleranno nei seguenti momenti:

 

  • presentazione dell’attività dell’Associazione Vittime del Dovere e testimonianza di una Vittima del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata o di un familiare;
  • intervento delle Forze dell’Ordine e Forze Armate sui temi proposti e scelti dagli istituti scolastici.

 

Al termine del ciclo di conferenze gli studenti, anche quest’anno, saranno invitati a realizzare degli elaborati secondo le modalità a loro più affini: grafici, scritti, multimediali, di tipo individuale oppure collettivo.

Una commissione composta di membri designati dai soggetti attuatori valuterà in seguito i lavori eseguiti, selezionando gli alunni vincitori della borsa di studio (pari a 2mila euro complessivi).

Open Day: nei mesi di marzo e aprile (date da definirsi) sarà inoltre possibile prendere parte agli Open day organizzati in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri – sezione a cavallo di Monza e Brianza (all’interno del Parco di Monza); e con la Scuola Militare Teuliè (Corso Italia, 58, Milano). Le Forze dell’Ordine e Forze Armate ospiteranno gli studenti (massimo 50) all’interno della loro sede, così da far conoscere da vicino le Istituzioni, e l’importante ruolo che rivestono nella società (durata 3 ore ciascuno).

La cerimonia di premiazione avrà luogo nel mese di maggio 2020 presso gli spazi messi a disposizione da Regione Lombardia che, oltre al patrocinio, ha gentilmente concesso il suo prezioso contributo.

Gli Istituti scolastici aderenti all’iniziativa sono: Scuola Europa di Milano, IIS Montale di Cinisello Balsamo, Liceo artistico di Brera, Istituto Comprensivo Alessandro Volta secondaria di I grado di Cologno Monzese, Istituto Floriani di Vimercate, Istituto Meroni di Lissone, IIS Majorana di Cesano Maderno, Istituto Mosè Bianchi di Monza, IC Rita Levi Montalcini di Lissone, Istituto Olivetti di Monza, Istituto Guglielmo Oberdan di Treviglio, Istituto Belotti di Bergamo, IS Einaudi di Chiari – Brescia, I.C. Dante scuola secondaria di 1° Majno Gallarate, I.C. Silvio Pellico di Olona, Scuola secondaria di primo grado E. Fermi Cavaria Con Premezzo – Varese.

Doverosi e sentiti ringraziamenti alla Prefettura di Milano, nella persona del Prefetto Renato Saccone, che ha generosamente ospitato anche quest’anno la conferenza di presentazione.

Profonda gratitudine anche alle Prefetture di Bergamo, Brescia, Monza e Brianza, Varese, all’Esercito Italiano, alla Polizia di Stato, all’Arma dei Carabinieri, alla Guardia di Finanza, a Regione Lombardia, alla Città Metropolitana di Milano, al Comune di Milano, alla Provincia di Monza e della Brianza, al Comune di Monza, alla Provincia di Bergamo, al Comune di Bergamo, alla Provincia di Brescia, al Comune di Brescia, alla Provincia di Varese e al Comune di Varese per aver sostenuto l’iniziativa concedendo il loro prezioso patrocinio e contributo.

Apprezzamenti sentiti al Miur, all’Ufficio scolastico Regionale per la Lombardia e agli Uffici Scolastici territoriali per la sempre preziosa collaborazione nella promozione e diffusione del progetto nelle scuole.

ASSOCIAZIONE VITTIME DEL DOVERE

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.