Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
Progetti di educazione alla legalità
30 GENNAIO 2017
Monza Today - "Scacco matto all'illegalità", studenti a lezione con le forze dell'ordine

Torna per il quarto anno consecutivo a Monza il progetto della onlus monzese "Vittime del Dovere" che coinvolge migliaia di studenti per insegnare i valori della legalità

Scacco matto all’illegalità. Forze dell’ordine e istituzioni in cattedra per insegnare ai giovani a rispettare le regole del fisco, difendersi dai fenomeni di cyberbullismo e cyberstalking, non cadere nelle dipendenze da alcol e droga, conoscere l’importante lavoro svolto dai nostri militari in Italia e all’estero e onorare la memoria di chi ha donato la vita per gli altri.

Lunedì mattina a Monza si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del “Progetto Interforze di Educazione alla Cittadinanza e alla Legalità: Esercito Italiano, Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza insieme per la legalità, in memoria delle Vittime del Dovere” rivolto alle scuole secondarie di primo e secondo grado della Provincia di Monza e Brianza. L’iniziativa ha visto protagonisti e impegnati in prima linea il prefetto di Monza Giovanna Vilasi, il Generale Michele Cittadella del Comando Militare Esercito Lombardia, il Dott. Angelo Re, Primo Dirigente Polizia di Stato del Commissariato di Monza, il Tenente Colonnello Rodolfo Santovito, Comandante Gruppo Carabinieri di Monza, il Maggiore Enrico Vecchio, comandante della compagnia dei carabinieri di Monza e il Colonnello Massimo Gallo, Comandante Gruppo Monza della Guardia di Finanza. A spiegare i dettagli dell’iniziativa nella sede di rappresentanza della Prefettura di Monza è stata il presidente dell’Associazione Vittime del Dovere, Emanuela Piantadosi alla presenza dell'assessore all'istruzione Rosario Montalbano.

Oltre a ricordare la storia e il sacrificio delle vittime, facendo conoscere ai giovani il ruolo delle Forze dell’Ordine e delle Forze Armate che quotidianamente lavorano al servizio della collettività, l’obiettivo degli incontri è contribuire a creare negli studenti un senso di appartenenza positivo e costruttivo nella comunità con cui condividono la loro quotidianità.

Gli argomenti affrontati saranno cinque: “L'Esercito Italiano e il contrasto alla criminalità e al terrorismo sul territorio nazionale e in campo internazionale” in collaborazione con l’Esercito Italiano, “Cyberbullying e cyberstalking: conoscerli per difendersi” in collaborazione con la Polizia di Stato, “Alcol e droga – le dipendenze che umiliano i giovani” in collaborazione con l’Arma dei Carabinieri, “Educazione della Legalità economica” in collaborazione con la Guardia di Finanza, “Vittime del Dovere, patrimonio etico della Nazione” tema proposto dall’Associazione Vittime del Dovere.

Gli incontri tra gli studenti, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine, Forze Armate e l’Associazione Vittime del Dovere si svolgeranno presso il Teatro Villoresi, vicolo Carrobiolo n. 6, Monza, nelle date: 28 febbraio, 1 marzo, 14 marzo, 15 marzo, 28 marzo (dalle ore 10.00 alle ore 12.00).

Al termine delle conferenze, sarà richiesto agli studenti di sviluppare, secondo il loro interesse e la loro sensibilità, degli elaborati individuali o collettivi di tipo grafico, scritto o multimediale sulle tematiche affrontate. I lavori, suddivisi per categorie e argomenti, verranno valutati da una commissione composta da membri designati dai soggetti attuatori, e quelli ritenuti più efficaci saranno premiati con attestati e borse di studio di importo complessivo pari a 2000 euro per l’acquisto di materiale didattico.

La cerimonia di premiazione si svolgerà il 15 maggio alle 10.30 presso il Teatro Villoresi di Monza.

Tratto da MonzaToday.it

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.