Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri comunicati in evidenza
28 DICEMBRE 2017
Comunicato stampa di Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale Bergamo : Solidarietà all’Associazione Vittime del Dovere

Mentre si avvia al termine la legislatura dei record negativi (3 governi, 546 cambi di partito o gruppo, 107 voti di fiducia: pari al 30% delle leggi approvate), il Governo Renzi-Gentiloni non ha mancato di umiliare una delle categorie più nobili della nostra società: quella delle Vittime del Dovere, che riunisce magistrati, forze dell’ordine e militari che siano deceduti o abbiano riportato invalidità permanenti in attività di servizio.
Infatti nella legge di bilancio appena approvata non sono stati accolti gli emendamenti finalizzati ad equiparare le vittime del dovere alle vittime del terrorismo, con il conseguente diritto ad un risarcimento di 500 Euro.
Diritto, peraltro, riconosciuto costantemente dalla Giurisprudenza, ma negato dal Governo e dalla maggioranza di centrosinistra con l’effetto di obbligare le Vittime del Dovere e le loro famiglie a ricorrere a lunghi procedimenti giudiziari, che umiliano chi ha dato la vita per lo Stato e contemporaneamente congestionano i tribunali con dispendio di denaro pubblico.
Paradossalmente, in questi stessi giorni, il Governo ha approvato i decreti attuativi della riforma dell'ordinamento penitenziario, che andrà ad alleggerire le condizioni dei detenuti anche per gravi reati penali. Si premiano i criminali mentre si mortifica chi li ha assicurati alla giustizia.
Tutto assolutamente in linea con la coerenza di questa legislatura, nata all'insegna del famoso “stai sereno” di Renzi a Letta e nella quale 558 parlamentari hanno maturato il tanto agognato vitalizio che il PD aveva promesso (in televisione) di abolire con la legge Richetti, ovviamente bocciata dallo stesso PD in Aula.
Impensabile, ovviamente, destinare i fondi dei vitalizi per risarcire chi si è sacrificato per lo Stato.

Daniele Zucchinali
Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale Bergamo

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2018