Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Capitano dell’Arma dei Carabinieri MARIO D'ALEO

Appassionato, determinato, espressione dei più alti valori della Giustizia e della Legalità, il Capitano dei Carabinieri Mario D’Aleo è stato ucciso a 29 anni in un agguato mafioso, il 13 giugno 1983, in via Scobar a Palermo. Insieme a lui furono assassinati anche i carabinieri Giuseppe Bommarito e Pietro Morici.
Descritto come uomo estremamente generoso, solare, amorevole, D’Aleo ha lasciato una profonda impronta nella storia della lotta alla criminalità nel nostro Paese.

Medaglia d’oro al Valor Civile:

«Comandante di Compagnia Carabinieri operante in zona ad alto indice di criminalità organizzata, pur consapevole dei gravi rischi cui si esponeva, con elevato senso del dovere e sprezzo del pericolo svolgeva tenacemente opera intesa a contrastare la sfida sempre più minacciosa delle organizzazioni mafiose. Barbaramente trucidato in un proditorio agguato tesogli con efferata ferocia, sacrificava la sua giovane vita in difesa dello Stato e delle istituzioni.»
Palermo, 13 giugno 1983

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2018