Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Assistente della Polizia di Stato GERARDO MANZO

Nato il 7 aprile 1954 a Sant'Egidio del Monte Albino (SA) e deceduto il primo aprile 1990

Gerardo entra presto in servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Angri, in provincia di Salerno. Oltre il lavoro, a casa, ha una giovane moglie e due figlie di 6 e 9 anni.

Il primo aprile 1990 l’assistente Gerardo Manzo e il suo collega, componenti di una pattuglia della Polizia di Stato, durante un normale turno con orario di servizio dalle ore 0.00 alle ore 7.00, vengono avvisati alle ore 6 di una rapina avvenuta poco prima e di un’autovettura sospetta che sta percorrendo a forte velocità l’Autostrada Salerno Reggio Calabria, nel tratto di competenza della volante tra i caselli di Nocera Inferiore e Angri.
La pattuglia si lancia all’inseguimento dell’auto. Gli agenti, dalla loro postazione sulla carreggiata, intimano l’alt alla vettura che però non si ferma. Immediatamente gli agenti si pongono all’inseguimento, ma trovano sul percorso alcune cassette di legno, presumibilmente lasciate sulla carreggiata dai rapinatori per creare un diversivo e ostacolare la marcia della pattuglia. Per evitare le cassette, l’auto frena bruscamente, sterzando e finendo sull'altra carreggiata nel senso opposto di marcia, andando a collidere frontalmente con un'altra autovettura. Nell’impatto, l’Assistente Manzo viene sbalzato fuori dal veicolo e batte rovinosamente il capo sull’asfalto, perdendo la vita all’istante, mentre l’autista della pattuglia riporta gravi ferite.

INTITOLAZIONE della Sottosezione Polizia Stradale di Angri
Il giorno 29 giugno 2011 viene intitolata, alla memoria di Gerardo, la caserma della Polizia Stradale di Angri. Alla solenne cerimonia sono presenti il Sindaco di Angri e le più alte cariche civili e militari della città, i rappresentanti della Polizia di Stato e della Forze dell'ordine operanti sul territorio. Dinanzi al Picchetto d'Onore viene scoperta una targa alla memoria di Gerardo Manzo e deposta una corona di alloro da parte della vedova e delle due figlie.
Il Sindaco di Angri, con commozione, dichiara: “Sono onorato di essere presente a una cerimonia che rende omaggio a un uomo dello Stato che ha contribuito con la sua vita alla sicurezza del nostro territorio. E mi impegno sin da adesso a far conoscere nelle scuole angresi la commovente storia del giovane assistente di Polizia Gerardo Manzo, affinché il suo esempio sproni anche le giovani generazioni all'amor patrio e al rispetto delle istituzioni”.
INTITOLAZIONE di una strada nel Comune di Sant'Egidio del Monte Albino (SA)
Nella mattinata del 13 novembre 2007, nel paese natale di Gerardo, Sant'Egidio del Monte Albino (SA), si tiene una cerimonia per l'intitolazione di una via cittadina alla sua memoria a cui partecipano le cariche pubbliche, civili e militari, unitamente a tutta la cittadinanza commossa.
Con decreto del 2 maggio 2008 Gerardo Manzo riceve la Medaglia d'oro al merito civile con la seguente motivazione: “Componente di una pattuglia della Polizia di Stato impegnata in servizio di vigilanza stradale, veniva investito da un'autovettura che procedeva a forte velocità ed alla quale aveva intimato da fermarsi, sacrificando la vita ai più nobili ideali di abnegazione e spirito di servizio. Fulgido esempio di elette virtù civiche ed elevatissimo senso del dovere. 1° aprile 1990 - Autostrada A3”

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.