Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri caduti

Le note biografiche vengono pubblicate con grande partecipazione e orgoglio, ma solo su espressa richiesta e con l'autorizzazione al trattamento dei dati personali sottoscritta dall'invalido oppure dai congiunti dei caduti, Vittime del Dovere, del terrorismo e della criminalità organizzata.
Ogni richiesta dovrà essere indirizzata alla seguente mail segreteria@vittimedeldovere.it

Maresciallo Capo Arma Carabinieri STEFANO PIANTADOSI

STEFANO PIANTADOSI Maresciallo Capo dell’Arma Carabinieri

nato a Roccabascerana (AV) il 2/9/1936
deceduto a Locate Triulzi (MI) il 15/6/1980

Medaglia d’oro al Merito Civile

Biografia

Il Maresciallo Capo Stefano Piantadosi, nasce a Roccabascerana in provincia di Avellino il 2 settembre 1936, terzo di quattro figli.

A 20 anni entra nell’Arma dei Carabinieri. Terminata la Scuola Allievi in Roma, viene destinato al Nord, prima presso il Battaglione Motorizzato di Milano e dopo alla Stazione di Pantigliate e al Nucleo Tribunale della Compagnia Comando Carabinieri di Milano.
Il 23 settembre 1960 frequenta a Firenze il 53° Corso presso la Scuola Allievi Sottufficiali.

Divenuto Vice Brigadiere, viene trasferito a Milano e, successivamente, alla Stazione Carabinieri di Bernareggio (MI), con il cui comandante instaura un rapporto di stretta collaborazione e di grande fiducia e stima, cosa subito percepita dalla popolazione.
Siamo all’inizio degli anni Sessanta ed il Maresciallo Stefano Piantadosi cerca di dare un’impronta personale all’attività che svolge con passione, grande senso del dovere e particolare umanità.
A Bernareggio conosce Enrica, una giovane ragazza che sposerà e che gli darà due figli Emanuela e Saverio.

Nel 1964 viene trasferito presso la Stazione di Limbiate (MI); l’anno dopo arrivano i primi incarichi dì Comando, prima presso la Stazione Carabinieri di Cantù, quale responsabile della Squadra Operativa e successivamente a Cermenate (CO), Lurago d’Erba (CO) e Lomazzo (CO).
Il 23 novembre 1970 viene nominato comandante della Stazione Carabinieri di Locate Triulzi, paese dell’hinterland sud di Milano, il cui territorio comprendeva i Comuni di Locate Triulzi, Opera e Pieve Emanuele.
Negli anni Settanta il Maresciallo Capo Piantadosi si trova ad operare in un territorio ampio e fino ad allora prettamente agricolo, che vive in quel periodo un vero e proprio boom economico. La crescita demografica ed economica esponenziale, trascina con sé problematiche sempre più complesse e difficili da fronteggiare. Egli comunque lavora instancabilmente con i suoi collaboratori, che lo seguono con ritmi sempre più serrati, imposti dalla gran mole di lavoro, trovandosi ad affrontare quotidianamente numerosissimi problemi legati all’emarginazione, alle rapine, ai furti e alle occupazioni abusive.
Il territorio, di cui si occupa, é particolarmente eterogeneo ed in continua espansione pertanto spesso si verificano incidenti nei cantieri ed incidenti stradali; addirittura in quegli anni nei comuni afferenti all’allora caserma si verifica un disastro ferroviario e un disastro aereo.
Il Maresciallo Piantadosi riesce a costruire con la popolazione un rapporto disponibile e sereno, tanto da venire spesso interpellato per appianare situazioni familiari e dare consigli.
Temuto e rispettato dalla malavita locale, non cercherà mai di abusare del proprio potere, trattando con correttezza, fermezza e coerenza sia il malfattore come l’onesto cittadino.

Per la sua personalità e professionalità, e per meriti di servizio, avendo partecipato a brillanti operazioni militari, il Maresciallo Capo Stefano Piantadosi viene più volte pregiato di iscrizione sul “Foglio d’Ordine della Legione Carabinieri di Milano”.
Tali riconoscimenti rappresentano un ambito traguardo per un carabiniere.
Viene inoltre ad essere decorato con Croce d’Argento per Anzianità di Servizio e con Medaglia di Bronzo al Merito di Lungo Comando nel 1975 e d’Argento nel 1980.


Il fatto

E’ proprio nel 1980, che la magia di una vita dedicata al servizio della comunità viene spezzata inesorabilmente, da quel male che i Carabinieri e tutte le Forze dell’Ordine cercano instancabilmente e quotidianamente di combattere sul campo.
Infatti, il 15 giugno 1980 il Maresciallo Capo Piantadosi ed il Carabiniere Giovanni Motta, giovane militare in ferma breve, durante un servizio d’ordine pubblico, per una gara ciclistica, che si stava svolgendo nel comune di Opera, individuano fra gli spettatori una persona dall’atteggiamento sospetto, successivamente identificato come Ferruccio Zanoli, che esibisce un documento con generalità false. Insospettito e considerata la folla presente alla manifestazione, il Maresciallo ritiene opportuno condurre l’uomo presso la Stazione Carabinieri di Locate Triulzi, per effettuare ulteriori accertamenti. Fa accomodare l’uomo sul mezzo militare, precisamente sul sedile posteriore con accanto il Carabiniere e si pone alla guida. Durante il tragitto il giovane Carabiniere perquisisce l’uomo, il quale improvvisamente estrae una pistola e spara alla nuca del maresciallo freddandolo.
Il mezzo finisce in un campo coltivato a grano nel Comune di Locate Triulzi.

Zanoli, mai catturato per l’omicidio, successivamente si accerterà essere un feroce omicida. Già detenuto nel Carcere di Porto Azzurro per scontare una pena di 30 anni a seguito dell’uccisione di un guardiacaccia, commessa a Paullo (MI) nel 1952, uscito nel 1976 con permesso premio dì 7 giorni, non era mai più rientrato e risultava quindi evaso.

I solenni funerali, su desiderio della popolazione e dei colleghi del Maresciallo, furono ufficiati dal Sua Eminenza Cardinale Carlo Maria Martini Arcivescovo di Milano, tra le autorità presenti, figurava il Gen. Carlo Alberto dalla Chiesa.

Commemorazioni

Nel Luglio del 1980 nel comune di Roccabascerana (AV) frazione Squillani, paese natio del Sottufficiale, fu affissa su una parete esterna della Chiesa Parrocchiale una targa, avente dimensioni di 2,00 metri x 1,50 metri e riportante un perenne ricordo del sacrificio del Maresciallo.

caduti_Piantadosi03.jpg

 

A Novembre del 1980, l’amministrazione comunale di Roccabascerana intitolò il viale principale della frazione Squillani al Maresciallo Capo Stefano Piantadosi, aggiungendo sul monumento ai caduti, già ivi esistente, una targa alla sua memoria.

caduti_Piantadosi02.jpg

 

Nel 1981 in Locate di Triulzi (MI) sul luogo dell’eccidio, in località Cascina Tappa, venne eretto un cippo che le comunità di Pieve Emanuele, Locate di Triulzi e Opera posero a testimonianza del tragico evento.

caduti_Piantadosi06.jpg

In quello stesso anno in Opera (MI), quella che era stata la corsa ciclistica, ove il 15 giugno 1980 il maresciallo Capo PIANTADOSI stava svolgendo il suo servizio di Ordine Pubblico, che lo condusse agli eventi della sua triste scomparsa, venne intitolata “Medaglia d’Oro Maresciallo Piantadosi”, sostituendo la precedente denominazione “Trofeo Caduti Opera” ed estendendosi su alcune vie dei 3 comuni sopra citati.
La gara ciclistica venne organizzata da allora annualmente alla memoria del Maresciallo sino al 1987.

Inoltre ogni anno il 15 giugno in occasione dell’anniversario dell’accaduto le amministrazioni comunali e le poi Sezioni dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Opera e di Pieve Emanuele, hanno sempre onorato il ricordo della morte del Maresciallo, celebrando una messa nel vicino santuario di Santa Maria alla Fontana di Locate Triulzi e ponendo una corona d’alloro sul succitato cippo e sulla tomba sita nel comune di Bernareggio, ricordando con affetto e partecipazione la figura del loro collega.

Il 14 settembre 2004 l’amministrazione comunale di Bernareggio (MI) deliberò l’intitolazione della via adiacente la stazione carabinieri su desiderio della cittadinanza, che aveva ancora vivo il ricordo del Maresciallo Capo Stefano Piantadosi e per iniziativa   dell’associazione “Amici della Storia della Brianza”, che aveva chiesto ufficialmente il riconoscimento.
La cerimonia avvenne il 14 novembre 2004 alla presenza delle autorità locali dei rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri e della Senatrice Emanuela Baio.

Per il 25^ anniversario dalla morte il 15 giugno 2005 numerose furono le iniziative pubbliche intraprese dalle amministrazioni e dalle associazioni, a dimostrazione della stima e del rimpianto per il Maresciallo Piantadosi:

- A Squillani, Frazione di Roccabascerana (AV), il 15 giugno 2005 si svolse un concerto della Fanfara dell’aeronautica Militare di Bari, con cerimonia organizzata dall’amministrazione Comunale, durante la quale furono premiati gli alunni, che avevano partecipato nelle precedenti settimane al concorso per il componimento di un tema alla memoria del Maresciallo.
In occasione della manifestazione venne posta una targa a memoria dell’evento sulla facciata della Chiesa Parrocchiale di Squillani, con deposizione di corona d’alloro da parte delle Autorità intervenute.

- Nella stessa giornata in Bernareggio (MI) venne ricordato il Maresciallo con una cerimonia pubblica presso il cimitero, ove riposano le sue spoglie, con deposizione di una targa ricordo e una corona alla presenza delle autorità civili e religiose, nonché delle Sezioni di Pieve Emanuele e Opera dell’Associazione Nazionale Carabinieri.

- Il 19 giugno 2005 le amministrazioni comunali di Locate di Triulzi, Pieve Emanuele e Opera diedero vita ad una importante manifestazione con una messa solenne presso la Chiesa Parrocchiale di Locate di Triulzi, ufficiata da Mons. Luigi Manganini, Arciprete del Duomo di Milano, e concelebrata dai parroci delle tre comunità; un corteo cittadino per le vie di Locate di Triulzi e la cerimonia di intitolazione di un largo, dedicato alla memoria del Maresciallo Capo Stefano Piantadosi, localizzato vicino alla sede comune di Locate di Triulzi.
All’interno del largo è stato eretto un monumento progettato dall’architetto Marco Valsecchi di Molteno (LC) su commissione dei tre comuni e dell’Associazione Nazionale dei Carabinieri sezioni di Opera e Pieve Emanuele, che riporta la seguente dedica: “ Generosità, umanità ed onestà sono valori che rendono eterna la vita”.
Alla cerimonia, allietata dalla Fanfara del 3^ Battaglione Mobile Carabinieri Lombardia, intervennero fra gli altri, il Sottosegretario al Ministero della Pubblica Istruzione e Università On. Valentina APREA, il Presidente della Provincia di Milano Dott. PENATI, una rappresentante della Prefettura di Milano, nonché autorità civili, religiose e militari della zona e comuni limitrofi.

caduti_Piantadosi04.jpg

Contestualmente a tale manifestazione, per desiderio delle amministrazioni comunali e della popolazione dei tre comuni, già ricadenti nella giurisdizione dell’allora Stazione Carabinieri, comandata dal compianto Maresciallo, ebbe inizio la prima edizione del “ Memorial Maresciallo Capo Stefano Piantadosi”. Gara podistica per dilettanti a più categorie, che sempre il 19 giugno 2005 partendo da Opera, attraverso le vie cittadine di Pieve Emanuele, arrivò fino a Locate di Triulzi.
Questa gara podistica denominata “Corsa dei Tre Comuni, Memorial Maresciallo Stefano Piantadosi” con percorso lungo percorsi campestri dei tre comuni, riproposta anche negli anni  2006, 2007 e 2008, vuole ora essere un appuntamento fisso con cadenza annuale.
Essa è l’espressione di unità e solidarietà tra i 3 comuni, i quali sono legati dall’unico filo conduttore rappresentato dalla figura del Maresciallo, il cui ricordo è sempre vivo presso queste comunità.
La corsa inoltre si è dimostrata un’occasione importante per comunicare ai giovani, ai quali la gara è soprattutto rivolta, i fondamentali principi di senso del dovere, rispetto degli altri ed altruismo, valori legati alla figura del Maresciallo Capo Stefano Piantadosi.

Nel 2006 sempre in Locate di Triulzi fu aperta una via adiacente al largo anch’essa intitolata al Maresciallo Capo Stefano Piantadosi.

Fra gli altri riconoscimenti alla memoria, è da citare il conferimento del premio Sicurezza Uguale Libertà attribuito da Ordine Pubblico, organo di informazione per le forze di Polizia nel 1981 e la Medaglia d’Oro al Merito Civile, richiesta nel 2007 da ben cinque amministrazioni comunali e precisamente: Pieve Emanuele, Opera, Locate Triulzi, Bernareggio e Roccabascerana; concessa il 14/2/2008 dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

Le spoglie del Maresciallo riposano accanto alla moglie Enrica, deceduta prematuramemente nel 1995, nel cimitero di Bernareggio (MI).

Video

Monumento al M.llo Capo Stefano Piantadosi

Il Monumento al M.llo Capo Stefano Piantadosi, realizzato nel comune di Locate Triulzi (MI) e progettato dall’Arch. Marco Valsecchi e dai collaboratori Michele Bellinzona e Paolo Ravasi il 12/6/2008, vince il primo premio in occasione della “RASSEGNA LOMBARDA DI ARCHITETTURA UNDER 40 - NUOVE PROPOSTE DI ARCHITETTURA” ANNO 2008, concorso organizzato della Consulta Regionale Lombarda degli Ordini degli Architetti.

Motivazione

Un piccolo monumento che, utilizzando con intelligenza pochi pieni (i blocchi di travertino) e unsolo vuoto (l’apertura sullo sfondo) stabilisce relazioni interessanti con il contesto, mirando a raggiungere una dimensiona quasi metafisica.

 

ONORIFICENZE

medaglia06.jpg

Medaglia d'oro al merito civile

Maresciallo Capo dei Carabinieri
Data del conferimento: 14/02/2008

Alla memoria

Motivazione:
Comandante di stazione distaccata, nel corso di un servizio esterno, dimostrando spiccato acume investigativo, fermava un individuo sospetto, successivamente rivelatosi un pericoloso latitante. Durante le fasi di accompagnamento in caserma, il Maresciallo veniva attinto da un colpo di pistola, abilmente occultata dal malvivente, decedendo. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere portato fino all'estremo sacrificio. 15 giugno 1980 - Opera (MI)

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2016
AGENDA DELLE RICORRENZE
domenica 25 settembre