Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
I nostri comunicati in evidenza
06 AGOSTO 2018
Comunicato ai soci - Esplosione tir a Bologna: camion in fiamme sulla A14

Tra i soccorritori feriti undici carabinieri e due poliziotti. Associazione Vittime del Dovere: “Le nostre Forze dell’Ordine sono un simbolo di coraggio e dedizione verso la divisa che indossano, di cui il nostro Paese non può che esserne orgoglioso”

L’Associazione Vittime del Dovere esprime il suo più sentito augurio di pronta guarigione agli undici carabinieri e a i due poliziotti della stradale rimasti feriti ieri, 6 agosto 2018, nella tragica esplosione di un tir a Borgo Panigale, in Emilia Romagna. Vicinanza anche ai 54 civili coinvolti, tre dei quali trasportati ai centri grandi ustionati di Parma e Cesena.

“Questa tragica occasione esemplifica lo spirito della missione di tutte le Forze dell’Ordine e Forze Armate. I soccorritori rimasti coinvolti nello spaventoso scoppio hanno dimostrato il loro coraggio mettendo a repentaglio la propria vita per salvare quanti si trovavano in difficoltà. Un sentito ringraziamento va a Riccardo Muci, il poliziotto "eroe", che nei primi minuti dell'esplosione è intervenuto per bloccare il traffico. 31 anni, Muci presta servizio a Copertino, in provincia di Lecce. L'agente è rimasto ustionato alla schiena in seguito alla forte esplosione e alla deflagrazione che ne è seguita. Riccardo Muci, proprio come i suoi colleghi, è l’esempio concreto di chi, ogni giorno, rischia la propria integrità fisica per il bene comune. Un simbolo di coraggio e dedizione verso la divisa che indossa, di cui il nostro Paese non può che esserne orgoglioso” ha dichiarato il Presidente dell’Associazione Vittime del Dovere, Emanuela Piantadosi.

La Onlus esprime le sue più sentite condoglianze alla famiglia di Andrea Anzolin, 42 anni, vicentino che lavorava per un'impresa di commercio e distribuzione di carburante della provincia di Vicenza, unica vittima del violento scoppio.

Ieri, 6 agosto 2018, a causa di un tamponamento, un tir è andato a fuoco scatenando una serie di esplosioni a catena: è successo verso le 13,40 in A14 all’altezza di Bologna, in un punto in cui l’autostrada corre vicinissima alla città, zona Borgo Panigale. Il rogo ha interessato la zona all’altezza di via Marco Emilio Lepido. Investite dalle fiamme anche diverse auto di concessionarie, a loro volta esplose, che si trovano fra la via Emilia e via Caduti di Amola. L’autocisterna che ha preso fuoco trasportava sostanze infiammabili, probabilmente - stando alle prime informazioni - gpl. Sono scoppiati i vetri di alcune case vicine. Ed è parzialmente crollato un ponte dell’autostrada, nel raccordo che collega l’A1 da Firenze all’A14.

Associazione Vittime del Dovere

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2018