Chi dona la vita per gli altri resta per sempre
Equiparazione Vittime A.S. 876

Da anni l'Associazione Vittime del Dovere si batte perché la distinzione ingiusta e incoerente tra vittime in ragione del carnefice sia definitivamente abbandonata.
In uno Stato di diritto è imprescindibile che i rappresentanti delle Istituzioni, che sacrificano le loro vite e la loro integrità per il bene della collettività, vengano adeguatamente tutelati.
Con la presentazione del disegno di legge si aggiunge un ulteriore tassello al lungo percorso intrapreso dall'Associazione.
Negli anni si sono succeduti interventi limitati e parziali di equiparazione che hanno causato differenze tra Vittime, creando gruppi e sottogruppi, e difficoltà applicative che, di fatto, rendono difficile l'effettiva fruizione dei benefici riconosciuti.
La proposta di legge “Estensione alle vittime del dovere e della criminalità organizzata dei benefici riconosciuti alle vittime del terrorismo” prevede la quasi completa equiparazione, dopo circa dieci anni dall'ultimo provvedimento a favore delle vittime e dalla promessa di "progressiva" equiparazione sancita nella Legge 266 del 2005.
Il processo di riconoscimento di forme di tutela a favore delle Vittime ha conosciuto uno sviluppo tale da determinare sperequazioni.
La categoria originaria delle "vittime del dovere" (Regio Decreto Legge 261/1921) è stata prima affiancata (Legge 466/1980) dalla categoria delle "vittime del terrorismo" e delle "vittime della criminalità organizzata" per poi essere sorpassata in termini di tutela (Legge 206/20014) fino a giungere al processo inverso, di progressiva estensione dei particolari benefici riconosciuti alle altre categorie.

09 NOVEMBRE 2015
COMUNICATO STAMPA - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato - (Legge di Stabilità 2015) – Emendamenti in favore delle Vittime del Dovere

Esprimiamo cauta soddisfazione per gli emendamenti alla Legge di Stabilità 2016 (AS 2111) presentati su richiesta dell’Associazione Vittime del Dovere ed esattamente formulati così come proposto dal nostro ufficio legale.

L’Associazione ha suggerito l’inserimento di numerosi emendamenti, tra cui alcuni volti alla completa equiparazione, altri invece finalizzati a singoli benefici al fine di avere maggiore possibilità di approvazione. Nella redazione degli emendamenti abbiamo tenuto conto dei provvedimenti inseriti nel progetto di legge n. 1715, presentato al Senato nel mese di marzo di quest’anno e tutt’ora al vaglio della Commissione Affari Costituzionali.

Purtroppo solo alcuni emendamenti hanno superato il primo esame di ammissibilità e, in particolare, sono stati inseriti tre emendamenti volti a risolvere alcune annose e impellenti  questioni quali:

1) Adeguamento dell’assegno vitalizio di cui all’art. 2 Legge 407/98 a 500,00 €, stilato in modo da salvaguardare gli importi arretrati (13.09 – 19.59)
2) Applicazione del DPR 181 del 2009 sia in sede di prima valutazione sia in sede di rivalutazione delle percentuali d’invalidità (13.10)
3) Incremento del fondo destinato alle borse di studio per gli orfani e i figli delle Vittime del Dovere, terrorismo e criminalità organizzata.(13.11 – 15.34)

Ringraziamo sentitamente il Senatore Aldo Di Biagio, che da anni ci segue con sensibilità ed interesse, il Senatore Roberto Cociancich, il Senatore Stefano Collina, il Senatore Miguel Gotor, il Senatore Marcello Gualdani, il Senatore Bachisio Silvio Lai, la Senatrice Doris Lo Moro, il Senatore  Maurizio Migliavacca, il Senatore Giorgio Pagliari, il Senatore Franco Panizza, il Senatore Francesco Russo e il Senatore Gianluca Susta per aver raccolto la richiesta d’aiuto delle Vittime del Dovere ed essersi fatti portavoce delle istanze dell’Associazione.

Attendiamo ora la valutazione della V Commissione permanente Bilancio, e speriamo nell’approvazione dei nostre proposte emendative. Questo risultato rappresenterebbe il primo passo di un lavoro intenso di sensibilizzazione che stiamo portando avanti ormai da anni.

L’Associazione peraltro proseguirà il suo cammino per arrivare in tempi brevi all’eliminazione di ogni discriminazione ancora in essere, percorrendo tutte le vie possibili al fine di dare pari dignità ai familiari di chi ha sacrificato la propria vita per il bene del nostro Paese.

Emanuela Piantadosi
Presidente Associazione Vittime del Dovere

Tutti i dati contenuti all'interno di questo sito sono di libera consultazione e citazione, è comunque obbligatoria la menzione della fonte in caso di utilizzo. Qualora si pubblichi il contenuto di questo sito, a qualsiasi titolo, senza averne correttamente citata la fonte i proprietari si riserveranno di agire attraverso le autorità competenti.
Seguici su:
STAMPA IL CALENDARIO 2019
AGENDA DELLE RICORRENZE